Costa Crociere

Costa annuncia l’ulteriore pausa delle proprie crociere sino al 31 luglio 2020. La decisione è legata alla incertezza sulla graduale riapertura dei porti alle navi da crociera e le restrizioni che potrebbero essere ancora in atto per gli spostamenti delle persone in relazione alla pandemia globale di Covid-19.

L’annuncio. Costa sta provvedendo ad informare sia gli adv sia i clienti interessati dai cambiamenti, ai quali verrà garantita una riprotezione secondo quanto stabilito dalla normativa applicabile, che offre la maggiore garanzia in questa situazione di contingenza

La delusione. Si allontana, dunque, la ripartenza delle crociere e le ulteriori notizie poco confortanti di queste ore diventano una “doccia gelata” sulle residue speranze degli operatori economici di Taormina. I commercianti auspicavano di poter rivedere i croceristi in città almeno a partire dal mese di luglio ma le possibilità che riesca a riprendere questo segmento turistico già nel 2020 si riducono sempre di più ad un lumicino, c’è chi ha praticamente cancellato il 2020 mentre qualche altra compagnia ipotizza un’attività parziale, che vedrebbe all’inizio solo alcuni scali nei porti italiani ma senza stranieri a bordo. Anche gli agenti di viaggio hanno confermato che difficilmente si sbloccherà il mercato delle crociere e i tempi sono troppo stretti per immaginare che tutto questo comparto, vincolato a dinamiche internazionali, si possa rimettere in azione in così breve tempo.

Tsunami Covid. A Taormina rischia di venire così a mancare in via definitiva un mercato anche molto discusso, spesso sottovalutato, ma che, comunque, aveva garantito negli anni un movimento di circa 40 mila persone in città, nel periodo tradizionalmente che va da maggio ad ottobre. Stando ad alcune stime potrebbero essere anche 50 mila le persone che non arriveranno nella Perla dello Ionio dopo questo tsunami. Tanti bus che arrivavano al Lumbi e al Porta Catania, ma anche nel piazzale della Madonnina o al Terminal Bus, animando poi il “salotto” della Perla.

© Riproduzione Riservata

Commenti