la funivia Taormina-Mazzarò

Taormina. Riaperta nelle scorse ore dopo due mesi di chiusura la funivia Taormina-Mazzarò. L’impianto che collega Taormina centro con la zona a mare della città (Mazzarò e Isolabella) è tornato regolarmente in attività dopo lo stop forzato imposto dall’emergenza sanitaria e dal lockdown deciso dal governo nei mesi di marzo e aprile. In questa prima fase, il servizio si svolgerà su un turno unico, con apertura alle ore 8:00 e chiusura alle 14:00.

La ripartenza. L’impianto è stato restituito alla funzionalità pubblica, con una cerimonia inaugurale avvenuta nella giornata di sabato alla presenza dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, del sindaco Mario Bolognari e del liquidatore Antonio Fiumefreddo, e del direttore d’esercizio della funivia, l’ing. Sergio Sottile. Erano presenti anche alcuni sindaci del comprensorio (tra i quali quelli di Giardini, Letojanni, Castelmola, Santa Teresa e Furci), e rappresentanti della Giunta e del Consiglio comunale di Taormina.

Le restrizioni. Le disposizioni sul distanziamento sociale imporranno, per forza di cose una riduzione della tradizionale portata delle cabine, che sin qui era sempre stata di 12 persone a cabina (sono 4 in direzione monte e 4 in direzione valle), mentre adesso si potranno trasportare soltanto 4 persone a cabina, ovvero non più del 40% della normale capienza. Per questo le corse che prima si effettuavano ogni 15 minuti, si effettueranno con una maggiore frequenza per compensare la presenza di un numero minore di persone a bordo delle cabine, e anche in considerazione del probabile calo di fatturato al quale andrà incontro Asm. Nelle cabine verrà, in ogni caso, garantita la distanza di un metro tra i quattro passeggeri e le vetture verranno sanificate ogni mattina e poi, nell’arco della giornata, ogni 10 corse. All’interno delle cabine l’utenza dovrà indossare la mascherina.

Aspettando i turisti. “E’ un momento di ripartenza per questo impianto ma anche un segnale di speranza per la Sicilia – ha detto l’assessore Falcone -. Da questa riapertura parte un segnale per dire che siamo pronti a riaccogliere i turisti e a contrastare questa crisi che colpisce tutti ma che vogliamo affrontare con grande determinazione”. “Siamo in una fase che ho definito di allenamento individuale. Questa riapertura è un modo per farci trovare pronti al momento in cui speriamo tutti che il turismo possa ripartire a pieno regime, soprattutto la con l’attesa riapertura delle frontiere”, ha detto il sindaco Mario Bolognari. “Taormina è un simbolo della Sicilia, ripartiamo in sicurezza e nel rispetto delle norme sanitarie, cercando di dare un contributo importante sia per la tutela della salute ma anche e soprattutto per dare un contributo importante all’economia del territorio”, ha detto il liquidatore Fiumefreddo.

© Riproduzione Riservata

Commenti