Corso Umberto di Taormina prima del Coronavirus

Taormina. L’emergenza Coronavirus e i molteplici aspetti connessi a quella che è una crisi epocale, potrebbero presto riunire le associazioni di categoria di imprenditori e commercianti di Taormina sotto un’unica compagine. A confermare ufficialmente questa prospettiva è il presidente dell’Associazione Commercianti Taormina, Pietro D’Agostino che in un’intervista a BlogTaormina ha evidenziato i contatti avviati con il presidente dell’Associazione Imprenditori per Taormina, Carmelo Pintaudi, per affrontare in termini unitari il momento di difficoltà e per valutare anche l’opportunità di unire le due compagini. Si tratta, ricordiamo, di delle tre associazioni locali che nella capitale del turismo siciliano rappresentano, quindi, gli operatori del commercio: la terza, ricordiamo, è il Consorzio Centro Commerciale Naturale Taormina, presieduto da Salvo Fiumara.

Verso un’intesa. “Stiamo cercando di capire cosa fare e che strada percorrere – ha detto D’Agostino a BT – e anche per questo abbiamo avuto vari contatti e quindi ci siamo confrontati non soltanto con i nostri associati ma anche con l’Associazione Imprenditori e con il loro presidente Pintaudi. In questo momento ci sono due correnti di pensiero tra gli operatori economici locali, chi vorrebbe riaprire subito e chi ritiene che si dovrà rimanere chiusi e aspettare il 2021. Bisogna cercare una soluzione condivisa, siamo tutti sulla stessa barca e oggi più che mai è il momento di essere tutti uniti e cercare di affrontare la crisi con delle valutazioni che ci vedano concordi. Tra l’altro, nei tempi e nei modi che lo consentiranno, cercheremo anche di far sì che le due associazioni si possano riunire in una sola. Stiamo cercando una posizione unitaria per combattere tutti insieme la crisi. Mi sono anche confrontato con l’assessore al Turismo e Commercio, Andrea Carpita”.

© Riproduzione Riservata

Commenti