Giorgia Meloni

“La ‘potenza di fuoco’ del decreto liquidità annunciata dal governo è in realtà un grande bluff”. L’attacco al Governo arriva dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Decreto (senza) liquidità. “Il presidente Conte aveva annunciato 400 miliardi di prestiti garantiti dallo Stato, di cui 200 miliardi per il mercato interno e 200 miliardi per l’export ma qualcosa non torna perché per chi va a leggere il decreto si accorgerà che le risorse in realtà mobilitate per questo decreto sono 2 miliardi di euro, di cui 1 per il mercato interno e 1 per l’export. Le cose non stanno come dice Conte. Nel decreto liquidità manca la liquidità”.

Quota a fondo perduto. “Nonostante le risorse ci siano e vengano garantite dallo Stato e nonostante le banche prendano oggi il denaro ad un costo negativo, i tassi di interesse saranno leggermente inferiori ai prezzi di mercato e lasciati alla libera contrattazione tra le aziende e le banche. Certamente non si tratta di tassi di interesse vicino allo zero come sarebbe stato opportuno e doveroso pretendere in un momento come questo. Servono garanzie reali e una quota a fondo perduto per gli imprenditori. Non si può pensare che per continuare a lavorare un imprenditore debba continuare ad indebitarsi con le banche”.

© Riproduzione Riservata

Commenti