il prof. Mario Bolognari, sindaco di Taormina

Taormina. “A Taormina siamo stati sinora disciplinati, anzi direi disciplinatissimi, con 10 mila e 500 residenti che escono solo per motivi strettamente necessari. Qui non c’è stato bisogno di alzare droni in cielo e fare minacce. La gente ha capito e si sta sacrificando”. Lo ha dichiarato il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, che così ha rivolto i suoi complimenti ai cittadini per il comportamento sinora tenuto durante l’emergenza Coronavirus.

Frecciata a De Luca. Il primo cittadino di Taormina ha così, rivolto un plauso alla comunità locale e indirettamente, ha lanciato anche una frecciata al sindaco di Messina, Cateno De Luca, che sin qui ha inteso puntare sull’utilizzo droni per controllare che i cittadini non escano di casa e che ha affrontato la questione con toni energici. Proprio nei giorni scorsi, tra l’altro, il sindaco di Taormina, tra l’altro, aveva ritenuto opportuno non sottoscrivere un documento dei sindaci nel quale si dava sostegno all’azione di De Luca nella battaglia con il Governo sugli attraversamenti nello Stretto.

© Riproduzione Riservata

Commenti