Cateno De Luca alle ore 19 al porto di Messina

Cateno De Luca anticipa il suo arrivo alla rada San Francesco del porto di Messina e trova ad attenderlo il caos, ancora una volta a regnare sovrano, all’approdo in Sicilia.

Blitz pomeridiano. Il sindaco metropolitano, che aveva già annunciato la sua protesta al porto per sabato sera alle ore 20.30, si è recato infatti agli imbarcaderi con due ore di anticipo, per l’arrivo del traghetto delle 18.40. Numerosi mezzi sono sbarcati nella circostanza a Messina, con una lunga fila di auto e anche qualche camper che difficilmente vede a bordo dei “pendolari” che si spostano per motivi di lavoro tra le due sponde dello Stretto.

La protesta dei siciliani. E, dopo queste nuove immagini, subito è esplosa da più parti la protesta di molti cittadini di ogni parte della Sicilia per questo ulteriore episodio che getta ombre sull’effettiva situazione nello Stretto mentre i siciliani continuano a rimanere chiusi in casa per lottare contro l’emergenza Coronavirus.

Il commento. Eloquente il primo commento di De Luca: “Quannu u iattu non c’è, u surici balla” (“Quando il gatto non c’è, i topi ballano”). Il sindaco metropolitano rimarca: “E’ una battaglia di territorio della Sicilia e dei veri siciliani”.

Ecco le immagini dello sbarco di sabato pomeriggio a Messina.

E qui le immagini della situazione a Villa San Giovanni, sabato alle 18.30. 

© Riproduzione Riservata

Commenti