la senatrice Urania Papatheu

“L’emergenza Coronavirus e l’obbligo, inevitabile, di rimanere chiusi in casa per contrastare l’epidemia, sta portando purtroppo all’esplosione di un’escalation di episodi di femminicidio. I casi di violenza domestica sono raddoppiati e nelle ultime ore abbiamo assistito a diversi casi drammatici e soprattutto la tragedi di una studentessa universitaria uccisa a Furci. Ancora sangue e altre vite innocenti spezzate da una barbarie senza fine. E’ un dramma che, ora più che mai, non può essere sottovalutato o ignorato dal Governo perché la convivenza forzata sta esponendo tante donne al rischio di diventare vittime di violenza”. Il monito arriva dalla senatrice siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu, componente della Commissione parlamentare sul Femminicidio.

Protezione e sostegno. “L’isolamento per il Covid-19 – afferma Papatheu – non può diventare una trappola mortale per le donne: il Governo deve attivarsi con urgenza per applicare le opportune misure penali e civili, mettendo in campo mezzi e risorse adeguate per garantire protezione, sostegno e accoglienza alle donne e ai minori coinvolti, garantendo il funzionamento dei centri antiviolenza e maggiori controlli da parte delle forze di polizia nei casi a rischio, dove si riscontrano già dei precedenti e dove si sono registrate denunce e segnalazioni”.

Tutelare le donne. “Non possiamo consegnare le donne al loro carnefice – è l’appello della parlamentare al Governo -. Occorre utilizzare subito il braccialetto elettronico sui soggetti sottoposti a divieto di avvicinamento alle vittime ma soprattutto va esclusa la sospensione dell’iter processuale per i procedimenti inerenti casi di femminicidio, per la convalida di ordini di allontanamento urgente dalla casa familiare. Bisogna assicurare piena difesa alle donne ed evitare che l’isolamento diventi motivi di condotte violente”.

© Riproduzione Riservata

Commenti