Cateno De Luca

“Perché lo Stato non la smette di imporci il pagamento delle bollette? In questo momento sarebbe bastato un ordine del Governo ai gestori delle reti di gas e luce, che però non c’è stato e vogliamo capire per quale motivo”. Così il sindaco metropolitano di Messina, Cateno De Luca scrive un’altra lettera al premier Giuseppe Conte e chiede al Governo di sospendere il prelievo forzoso delle bollette.

Due pesi e due misure. “Il decreto legge del 9 febbraio 2020 – evidenzia De Luca – ha stabilito per gli 11 comuni del Nord che erano stati allora delimitati come zona rossa la sospensione del pagamento di tutte le bollette di luce, gas, acqua e rifiuti sino al 30 aprile. Tutti pensavano che con il Dpcm del che ha esteso a tutta Italia le condizioni della zona rossa sarebbe valso ovunque analogo principio ma ad oggi non è così e tutte quelle imposte si pagano. Mentre attendiamo che arrivino i miliardi annunciati, gli italiani e quindi tutti i cittadini del nostro territorio devono continuare a pagare le bollette di acqua luce gas e rifiuti. Con un colpo di penna vanno sospesi quei pagamenti. Bisogna dire agli italiani che siamo in guerra e quei soldi non si possono chiedere ai cittadini”.

© Riproduzione Riservata

Commenti