"Event 201"

Come abbiamo detto in altri approfondimenti, in questo momento si racconta di tutto e di più sulle dinamiche che hanno preceduto o determinato l’emergenza Coronavirus. Gran parte del materiale che circola è di dubbia attendibilità o peggio ancora si tratta di fake news, bufale, fantasie, se non persino di vera e propria disinformazione. Diventa quindi importante discernere tutto, avere consapevolezza che bisogna sempre essere prudenti e rimanere realisti, differenziare ciò che non ha fondatezza da ciò che perlomeno è in grado di suscitare curiosità e qualche riflessione.

Simulazione di pandemia. C’è un filmato che certamente più di qualsiasi altro sorprende. Il video che vi mostriamo riguarda un evento datato 18 ottobre 2019, giorno in cui negli Stati Uniti, a New York, si è svolta “Event 201”, una simulazione di pandemia il cui scenario prevedeva il contagio di un Coronavirus passato dai pipistrelli ai maiali ed infine all’uomo. E’ una simulazione sulla quale non vogliamo esprimere alcuna valutazione, lasciando qualsiasi commento agli addetti ai lavori di tematiche così complesse: ma certamente il video che state per vedere ha delle analogie incredibili con quello che poi si è davvero verificato nel mondo qualche mese più tardi. Non facciamoci (mai) suggestionare ma guardiamolo, comunque, con attenzione.

Confronto e soluzioni. L’evento 201, questo il nome della simulazione di pandemia, è un esercizio da tavolo di pandemia che ha simulato una serie di drammatiche discussioni basate su scenari, affrontando difficili dilemmi reali associati alla risposta a un’ipotetica, ma plausibile scientificamente, pandemia. In questo contesto 15 leader globali di aziende, governo e sanità pubblica sono stati protagonisti di una “simulazione da tavolo” che ha messo in luce problemi politici irrisolti del mondo reale e questioni economiche che potrebbero essere risolte con sufficiente volontà politica, investimenti finanziari e attenzione ora e in futuro.

Il contagio virtuale. Secondo la simulazione in oggetto, la malattia – lo ripetiamo, nell’ambito dell’esercitazione – virtualmente iniziava negli allevamenti di suini in Brasile, dapprima lentamente e senza rilievo, per poi diffondersi più rapida e avrebbe quindi iniziato a farlo nei quartieri a basso reddito e densamente affollati di alcune delle megalopoli del Sud America. Poi – sempre nella simulazione – l’epidemia veniva “esportata” per via aerea in Portogallo, negli Stati Uniti, in Cina e in seguito in quasi tutti gli altri Paesi del mondo.

I protagonisti. Organizzato dal “Johns Hopkins Center for Health Security” in collaborazione con il “World Economic Forum” e la “Bill and Melinda Gates Foundation”, Event 201 è stata, dunque un’esercitazione su un’ipotetica pandemia, destinata a 15 top manager provenienti dal mondo degli affari, da governi e dalla sanità pubblica. Nel forum sono state messe in evidenza le aree di intervento che necessiterebbero di una stretta collaborazione tra pubblico e privato in caso di una grave pandemia. Obiettivo: ridurre le conseguenze economiche e sociali che coinvolgerebbero tutta l’umanità. L’esercizio consisteva in trasmissioni di notizie pre-registrate, briefing in diretta sul personale e discussioni moderate su argomenti specifici. Questi temi sono stati attentamente progettati in una narrazione avvincente che ha educato i partecipanti e il pubblico. In questo contesto, la Johns Hopkins Center for Health Security, il World Economic Forum e la Bill & Melinda Gates Foundation hanno proposto congiuntamente delle raccomandazioni.

L’obiettivo. Event 201 ha inteso essere uno strumento “per informare i membri delle comunità politiche e di preparazione per il pubblico in generale”. Ciò è distinto da molte altre forme di esercizi di simulazione che testano protocolli o politiche tecniche di un’organizzazione specifica. Esercizi simili all’Evento 201 nelle intenzioni di chi li organizza e vi prende parte è quello di indicare “un modo particolarmente efficace per aiutare i responsabili politici a comprendere meglio le sfide urgenti che potrebbero affrontare in una crisi dinamica, nel mondo reale”.

Ecco il video di Event 201, la simulazione di pandemia con i sottotitoli in italiano. 

© Riproduzione Riservata

Commenti