Matteo Salvini

“Ci hanno riempito per 20 anni della parola Europa, poi nel momento del bisogno ci arriva l’aiuto dal Venezuela o dall’Albania, mentre dall’Unione due dita negli occhi. Non lo scorderemo”. Lo ha dichiarato il leader dell’opposizione, Matteo Salvini. “Mentre Venezuela e Albania ci danno una mano, non ci arriva nulla dalla Germania, dall’Olanda dall’Austria piuttosto che dall’Unione Europea. Si sono presi 15 giorni per ragionare.

Aiutare le imprese. “Adesso è importante mandare un abbraccio a tutti gli italiani che stanno dimostrando che siamo un grande popolo e non abbiamo da invidiare niente a nessuno, altro che i tedeschi o gli olandesi” ha scandito Salvini, che dice “no a un’Italia che si fonda sulla compassione, sull’assistenza, no. Bisogna aiutare le imprese a rimanere imprese. La Bce serve a stampare moneta. Svolga il suo lavoro”. “Noi abbiamo preparato una proposta perché se non si fa veloce e si segue il percorso normale qua ci si mette uno o due mesi a dare la cassa integrazione. E’ un problema urgente, serve velocità”.

Non si può riaprire. “La proposta di Renzi? Mi sembra che riaprire domani mattina le scuole e le fabbriche sia assolutamente fuori dal mondo. Noi stiamo rompendo le scatole giustamente agli italiani dicendo di stare a casa e diciamo di riaprire domani?”.

© Riproduzione Riservata

Commenti