Mario Bolognari, sindaco di Taormina

Taormina. Aggiornamento domenicale del sindaco di Taormina, Mario Bolognari, sull’emergenza Coronavirus, che ha spiegato in particolare una nuova ordinanza posta in vigore dalla Regione Siciliana per ridurre i rischi di contaminazione dovuti all’epidemia Coronavirus.

Da questo momento, stando a quanto disposto dal presidente della Regione, si distingueranno differenti modalità di raccolta e smaltimento dei rifiuti, con particolare riguardo a quelle abitazioni in cui sono presenti persone in isolamento, quarantena obbligatoria o risultate positive al Covid-19 (a Taormina al momento non c’è nessun caso di positività). In questi casi, viene sospesa la raccolta differenziata. Tutti i rifiuti, indipendentemente dalla natura – quindi compresi fazzoletti, rotoli di carta, teli monouso, mascherine e guanti – sono considerati rifiuti indifferenziati e pertanto raccolti e conferiti insieme. La spazzatura dovrà essere contenuta e chiusa in almeno due sacchetti uno dentro l’altro (o in numero maggiore in dipendenza della loro resistenza meccanica), possibilmente utilizzando un contenitore a pedale. I sacchi devono essere chiusi adeguatamente utilizzando guanti monouso e mantenuti integri.

In tutte le abitazioni in cui non ci sono contagiati, ad ogni modo, restano in vigore le normali procedure di raccolta dei rifiuti, inclusa la raccolta differenziata laddove attiva (quindi occorre continuare a farla). Tuttavia, a scopo preventivo, fazzoletti, rotoli di carta, mascherine e guanti utilizzati devono essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati. Inoltre devono essere utilizzati almeno due sacchetti uno dentro l’altro o in numero maggiore in dipendenza della resistenza meccanica dei sacchetti. I rifiuti dovranno essere smaltiti come da procedure già in vigore (esporli fuori dalla propria abitazione negli apposti contenitori o gettarli negli appositi cassonetti condominiali o di strada).

© Riproduzione Riservata

Commenti