Matteo Renzi

Matteo Renzi chiede un ritorno alla vita normale e scoppia la bufera sulle sue affermazioni. “Le fabbriche riaperte prima di Pasqua, le scuole il 4 maggio”. E’ questa la ricetta di Renzi, quella del “riapriamo” tutto perché “se restiamo chiusi la gente morirà di fame”.

La gente muore di fame. Il leader di Italia Viva, in una lunga intervista ad Avvenire vede tempi lunghi per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. “Riapriamo – chiede Renzi – . Non possiamo aspettare che tutto passi. Perché se restiamo chiusi la gente morirà di fame. Perché la strada sarà una sola: convivere due anni con il virus”. Per l’ex premier “bisogna consentire che la vita riprenda. E bisogna consentirlo ora”.

Balconi e forconi. “Sono tre settimane che l’Italia è chiusa e c’è gente che non ce la fa più. Non ha più soldi, non ha più da mangiare. I tentacoli dell’usura si stanno allungando minacciosi specialmente al Sud. Senza soldi vincerà la disperazione e si accende la rivolta sociale. I balconi presto si trasformeranno in forconi; i canti di speranza, in proteste disperate”.

© Riproduzione Riservata

Commenti