il governatore della Puglia, Michele Emiliano

Il grido di dolore per salvare i territori del Sud unisce governatori e cittadini di tutte le regioni meridionali. Anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano sollecita il Governo a non abbandonare il Sud, denuncia la grave situazione in atto in Puglia e chiede che vengano garantiti i necessari aiuti per affrontare l’emergenza Coronavirus.

Aspettando gli aiuti.“Stiamo facendo tutto il possibile per fronteggiare l’emergenza. La nostra sanità è schierata al completo contro il Coronavirus: in Puglia abbiamo riconvertito e riorganizzato le strutture ospedaliere e il 118, a tempo di record. Abbiamo assunto nuovo personale sanitario. Ma questo sforzo da solo non basta. Abbiamo bisogno di tutelare i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari che ogni giorno operano per tutelare la nostra salute. Per tutti loro ho di nuovo chiesto i DPI, i dispositivi di protezione che spettano alla Regione Puglia e che ancora non abbiamo ricevuto. Perché come sapete la fornitura di questi dispositivi è stata centralizzata a Roma, a livello nazionale”.

Contrabbando per la vita. Devo confessare che sto facendo il “contrabbandiere” sia per le mascherine che per i ventilatori. Mi stanno aiutando i governatori di alcuni stati cinesi con cui avevo rapporti istituzionali da tempo. Con questi canali in autonomia abbiamo fatto ordini per 38 milioni di euro di ventilatori e mascherine sperando che riescano ad arrivare. Ho lanciato questo allarme, sia nelle sedi istituzionali sia a livello pubblico per informare i cittadini di quanto sta avvenendo. In queste ore è prevista una riunione con Governo e gli altri Presidenti di Regione dove tornerò a fare questa richiesta con la massima determinazione possibile”.

© Riproduzione Riservata

Commenti