la Casa di Riposo "Come d'Incanto"

E’ una vicenda drammatica, che lascia senza parole, quella che stanno vivendo 70 anziani della Casa di Riposo “Come d’Incanto” di Messina. La quasi totalità di questi nonnini sono risultati positivi al Coronavirus e gli operatori sanitari della struttura – anche loro contagiati e che erano rimasti sin qui rinchiusi da giorni insieme agli anziani – hanno comunicato di non essere più nelle condizioni di assisterli, perciò hanno deciso di lasciare la struttura.

L’appello. Il sindaco di Messina comunica che “quasi tutti i 70 anziani sono positivi, e bisogna garantire immediatamente assistenza almeno per le prossime 48 ore. Servono dei coraggiosi. Nessuno si sente di entrare per dare da mangiare a questi anziani. Io sono pronto. Non lascerò morire quegli anziani. Ho bisogno di sei volontari: contattate subito la dott.ssa Valeria Asquini, al numero 328 – 1545117”.

La posizione degli operatori. Questo il messaggio che nelle scorse ore è stato diffuso dagli operatori della struttura di ricovero, che sin qui hanno assistito gli anziani nella Casa di Riposo. “Non abbiamo più dispositivi di protezione individuale. Ci siamo messi a rischio e pericolo per i nostri nonnini, che sono tutti positivi. Era stato detto che sarebbero stati trasportati ma si procede a passo di formica e con una sola ambulanza, che ogni due ore torna e deve essere sanificata. Ci siamo esposti al rischio e nessuno ha garantito per la sicurezza della nostra vita. La situazione è critica. Siamo stanchi, distrutti, sfiniti. Abbiamo dato tutto, con il cuore e con amore. Ma non abbiamo più la forza, le competenze e i mezzi per affrontare questa emergenza. Le persone non possono più rimanere qui, vanno trasferite subito nelle strutture adeguate e questo stabile va sanificato. E’ un focolaio enorme. La gente qui sta morendo, non possiamo più affrontare questa situazione”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti