Giuseppe Conte e Cateno De luca

“Ma che ca….o di Italia è questa? Quando mai si è visto che prima si fanno annunci e poi i provvedimenti. L’indecisione in questo momento è la cosa peggiore e intanto la gente muore. Così il sindaco della Città Metropolitana di Messina, Cateno De Luca va su tutte le furie contro il Governo Conte dopo la diretta Fb di ieri sera nella quale il premier ha annunciato un provvedimento che ancora non c’è.

Troppa burocrazia. “Buona domenica a tutti, siamo in attesa di leggere il provvedimento che ha annunciato Conte. Siamo stati un’ora attaccati al televisore ad aspettare ma è l’Italia degli annunci. Ancora questo provvedimento non circola. Sono incazzato. L’11 marzo avevo fatto un’ordinanza dove avevo già previsto tutte queste cose ma, in parte, me l’hanno fatte rimangiare perché il sindaco non poteva fare provvedimenti contro il Dpcm o attentare alle libertà costituzionali. Noi invece già prima volevamo chiudere le scuole. E’ l’Italia dell’alta burocrazia dove devi stare attento a non violare il comma e il disposto, se poi la gente muore non importa perché la priorità è che tutto quadri in termini di burocrazia. Ora noi che dovremmo fare di fronte a questo nuovo provvedimento? Quando mai si annunciano le cose e poi si annunciano i provvedimenti”.

L’appello. “Chi sta al timone, così ci fa sbandare. E’ vergognoso che io assista all’annuncio di nuovi provvedimenti, che poi ancora non ci sono. Ma che Repubblica delle Banane è diventata questa? Non so dove si andrà a parare. La finiscano di fare decreti in continuazione e facciano provvedimenti seri. L’Italia si deve fermare ma anche la malapolitica e la burocrazia, altrimenti andremo a sbattere. Fermiamo la malaburocrazia criminale che sta contribuendo, purtroppo, volente o nolente, a diffondere il virus. Il Coronavirus si ferma tutti insieme”.

© Riproduzione Riservata

Commenti