Cateno De Luca

“Deve finire questo schifo del passeggio in giro. Disporrò una nuova ordinanza, scrivendo al Prefetto, affinché l’esercito scenda in campo con un dispiegamento di forze definitivo per frenare e bloccare la diffusione. Usciremo da questa situazione ma bisogna correggere comportamenti indegni, storture che mettono a rischio la comunità”. La dura presa di posizione è del sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Il caso Madonna di Campiglio. “Non intendo fare diffondere il virus a causa della mala burocrazia. Ancora qualcuno intende essere reticente con i cavilli burocratici? I cittadini devono sapere quanti soggetti della settimana bianca a Madonna di Campiglio sono risultati infettati ed hanno omesso di mettersi in quarantena contagiando altri. Nella mia qualità di massima autorità locale di sanità ho il diritto di sapere quanti e chi sono questi balordi per tutelare la mia comunità dalla diffusione. Ho ordinato all’Asp Messina di mettere a disposizione delle sezioni di Polizia Giudiziaria della Polizia municipale la banca data dei soggetti che si sono messi in quarantena. Ho denunciato all’Autorità Giudiziaria quanto abbiamo appreso, chiedendo un intervento immediato. Ora vedrete che qualcuno dirà che non è mia competenza e nel frattempo certi criminali continuare ad infettare il territorio”.

Non uscite. “State a casa e non uscite. Sono convinto che insieme sconfiggeremo il virus ma ci vuole perseveranza e pazienza. E se non vi fidate, affidatevi. Ciascuno di voi faccia il proprio dovere, senza se e senza ma”.

© Riproduzione Riservata

Commenti