Luigi Di Maio

“Per tutelare il nostro Paese, i nostri cittadini e le nostre imprese bisogna intervenire con fatti concreti. E non dobbiamo accontentarci, ma bisogna dare sempre di più. Per questo stiamo lavorando a misure volte a sostenere tutti gli italiani: famiglie, aziende, partite Iva, lavoratori dipendenti. Tutti, nessuno escluso. Ma intanto ognuno di noi può iniziare con un piccolo gesto: comprare e mangiare prodotti Made in Italy. Facciamolo per tutti quei lavoratori che nelle aziende o alla guida di un camion in giro per l’Italia stanno faticando per far arrivare nelle nostre case i beni di prima necessità. A loro va il mio grazie e quello di tutto il Governo”. Lo ha dichiarato il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Cargo dalla Cina. “Lo sforzo che l’Italia sta sostenendo in queste settimane è grandissimo. E come Governo abbiamo il dovere di dare risposte concrete, soprattutto verso medici, infermieri e operatori sociosanitari che 24 ore su 24 sono in prima linea a combattere l’emergenza Coronavirus. Oggi pomeriggio arriverà a Milano, da Shanghai, un volo cargo con circa 10 tonnellate di materiale sanitario donato da alcune province cinesi. Si tratta di 30 ventilatori polmonari, 400.000 mascherine, 60.000 kit diagnostici, farmaci, 5.500 tute protettive, 6.700 occhiali protettivi e molto altro. Aiuti che si vanno ad aggiungere a quelli già arrivati nei giorni scorsi”.

Non siamo soli. “L’aereo trasporterà anche due gruppi di medici, infermieri ed esperti cinesi che – a seguito delle intese siglate tra i ministeri degli Esteri, della Salute e le Regioni Lombardia e Toscana – si recheranno a Milano e Firenze. Inoltre, partirà un altro volo cargo per la Cina che porterà in Italia altri 100 ventilatori polmonari e almeno altri 2 milioni di mascherine, in parte già acquistate dalla Protezione Civile e dal commissario straordinario per le strutture ospedaliere, in parte oggetto di donazioni. Mentre dalla Germania sono in arrivo oltre 1.500 tute mediche destinate agli ospedali della Lombardia. L’Italia non è sola e oggi tutto il mondo deve parlare una sola lingua: quella dell’umanità”.

© Riproduzione Riservata

Commenti