il ministro Paola De Micheli e il premier Giuseppe Conte

Incredibile presa di posizione del Ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, sul nuovo esodo di persone in viaggio dal Nord verso la Sicilia nei giorni dell’emergenza Coronavirus.

I numeri del Ministro. “Dalle società del trasporto ferroviario nazionale riceviamo le rilevazioni sul numero di coloro che si sono spostati da tutto il Nord a tutto il Sud negli ultimi due venerdì. Possiamo affermare che non c’è stato nessun esodo, né ieri, né la scorsa settimana, in quanto il numero di persone che da tutto il Nord ha raggiunto tutte le destinazioni del Sud con i treni è pari a qualche centinaio in totale”. Questa la dichiarazione del Ministro De Micheli.

“Partenze da evitare”. “Il Governo ha garantito e sta attuando le misure che consentono alle persone di spostarsi esclusivamente per esigenze lavorative inderogabili o per motivi sanitari urgenti e improcrastinabili. Resta quindi forte – sottolinea – la raccomandazione di evitare in tutti i modi gli spostamenti non urgenti o vitali. È assolutamente da evitare la partenza da una regione all’altra per incontrare familiari o amici che abitano altrove. Questo costituisce un grave pericolo per se stessi e per le persone amate ed è un serio rischio anche per tutti coloro che stanno rispettando le indicazioni, rimanendo a casa”.

I fatti. Altro che “qualche centinaio” di partenze. Forse il Ministro De Micheli non sa (o finge di non sapere?) che la Regione Siciliana ha certificato già 20 mila rientri di persone giunte dal Nord nell’isola, che si sono registrate all’apposita piattaforma istituita per i soggetti chiamati ad autosegnalare la propria posizione. E che dire delle oltre 50 mila persone che, nel complesso (sommando alla Sicilia anche Puglia, Sardegna, Campania e Calabria), hanno raggiunto tutte le varie regioni del Sud? Fatti, non chiacchiere.

© Riproduzione Riservata

Commenti