lotta al Coronavirus

“Al momento abbiamo avuto 84 casi positivi e sono stati eseguiti quasi 1200 tamponi in Sicilia, i laboratori stanno proseguendo la loro attività e a breve avremo un aggiornamento sui siciliani che saranno eventualmente dichiarati sospetti al Covid-19. Abbiamo avuto il primo decesso con una persona di Sortino ricoverato ad Augusta e che aveva un quadro cardiocircolatorio e neurologico complesso. Ma di questo non possiamo che essere colpiti e prenderne atto. Dobbiamo avere contezza della situazione e rispettare in maniera totale le regole disposte. Restare a casa è la priorità indeludibile. Il virus è un nemico che arriva, si muove e contagia e il più importante strumento è evitare che il contagio si diffonda di persone in persona”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

Piano d’emergenza. “Tutti e anche noi rinnoviamo l’invito a stare a casa e muoversi meno possibile. Se riusciremo ad imporci questa regola, potremo contenere allora il virus. Il sistema sanitario viene messo a dura prova ma sta resistendo e stiamo determinando da qui a una settimana mille posti letto dove, eventualmente, e speriamo di no, poter ricoverare pazienti con il Coronavirus. Avremo ospedali interamente dedicati all’emergenza. Dobbiamo essere pronti a tutto e ci stiamo preparando a mettere in campo le misure per uno scenario che sia vicino a quello che stanno vivendo nelle regioni del Nord. Stare a casa adesso è fondamentale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti