Palazzo dei Giurati
Palazzo dei Giurati, sede del Comune di Taormina

Taormina. Il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, allontana ufficialmente l’ipotesi di una chiusura della città con limitazione ai soli residenti: “Va premesso che intanto una decisione del genere non rientra nelle competenze dei sindaci e comunque non ci sono i presupposti per un provvedimento del genere. Ed è un fatto che ci è stato evidenziato anche in una recente riunione svoltasi in Prefettura a Messina. Ad ogni modo smentisco certamente questa ipotesi della chiusura o limitazione ai soli residenti, al momento si tratta soltanto di fantasie”.

Monitoraggio dell’emergenza. “E’ importante mantenere la calma, è in atto un costante monitoraggio della situazione. Bisogna seguire e affrontare con grande attenzione ma anche con ponderatezza l’evolversi dell’emergenza”, aggiunge Bolognari.

Ottemperare agli obblighi. Al contempo, ovviamente, il primo cittadino ha rimarcato la necessità di “ottemperare alle disposizioni del Governo e all’ordinanza emessa dal presidente della Regione”. Il Presidente della Regione Siciliana ha firmato una ordinanza che riguarda tutto il territorio dell’Isola. Chiunque dal 22 febbraio sia arrivato in Italia proveniente dai Paesi indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità oppure sia transitato o abbia sostato nei territori della Regione Lombardia e delle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Novara, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Alessandria, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli deve comunicare tale circostanza al Comune (e-mail: sindaco@comune.taormina.me.it; tel. 0942 610255), al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria nonché al proprio medico di Medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta con l’obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo con divieto di contatti sociali, di osservare il divieto di spostamento e di viaggi, di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza. La mancata osservanza degli obblighi sopra riportati comporterà le conseguenze sanzionatorie di cui all’art. 650 del Codice penale”, con il rischio di 3 mesi di carcere per i trasgressori.

© Riproduzione Riservata

Commenti