sanificazione ospedaliera

Via libera della Commissione Igiene e Sanità del Senato all’emendamento presentato dalla senatrice siciliana di Forza Italia, Urania Papatheu per la modifica del decreto legge n.6 del 23/02 riguardante l’adozione per il Covid-19 di Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica. Le disposizioni sull’emergenza Coronavirus saranno ripresentate con una proposta della sen. Papatheu per la prevenzione delle infezioni in ambito ospedaliero e clinico. Quello della parlamentare di Forza Italia è l’unico emendamento che ha avuto l’ok per essere convertito in odg, con l’impegno del viceministro Sileri a recepire il testo nel prossimo provvedimento che partirà dal Senato.

Infezioni killer. “Negli ospedali italiani si muore più di batteri ed infezioni negli ospedali che di incidenti – spiega Papatheu -. Le vittime sono ormai 49 mila l’anno. Spesso, l’ambiente intorno al paziente è contaminato da microrganismi, batteri killer che vengono trasmessi per via indiretta. Occorre porre fine a questa “strage silenziosa” e adottare su tutto il territorio nazionale adeguate misure di assistenza al paziente che possano garantire condizioni sicure e quanto più possibile asettiche; protocolli medici e di assistenza che si sono dimostrati efficaci nel ridurre al minimo il rischio di complicanze infettive”.

Iter e competenze per le verifiche. “La verifica del rispetto delle disposizioni in materia sanificazione va posta in essere con controlli del Ministero, della Regione e del Comune in cui ha sede la struttura ospedaliera”. Al momento per l’attuazione delle misure è stato proposto un impegno economico di 20 milioni di euro ma “visti i dati drammatici di morte per batteri” Papatheu auspica “un impegno maggiore di questo governo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti