l'assegno civico

Taormina. La Giunta comunale di Taormina ha deliberato l’assegnazione delle risorse finanziarie per attivare 25 assegni civici con fondi comunali della durata di due mesi per le persone in difficoltà economica e senza lavoro. Lo ha reso noto l’assessore alle Politiche Sociali, Francesca Gullotta.

Le somme. L’Esecutivo ha assegnato al responsabile dell’Area Servizi alla Persona del Comune, Giuseppe Cacopardo, la somma di 73 mila 406 euro che verranno impiegati dal Comune per “interventi di assistenza economica e socio-assistenziale in favore di soggetti bisognosi”, e di cui nell’esercizio 2020 ora 18 mila verranno così ripartiti: 6 mila euro per interventi per soggetti a rischio di esclusione sociale, 6 mila per interventi per le famiglie e 6 mila per la programmazione e governo della rete dei servizi socio-sanitari sociali. L’iter verrà espletato con il supporto della responsabile del procedimento, Venera Valentino. La Giunta ha preso atto della delibera del 25 luglio 2018, nella quale “a seguito della rinuncia del sindaco alla propria indennità di carica, si è formalizzata la destinazione nel bilancio pluriennale dell’ente delle suddette somme che risultano disponibili e quantificate”.

La domanda. “Un ringraziamento lo rivolgo in particolare al sindaco – afferma la prof.ssa Gullotta -, dal momento che buona parte delle somme proviene dalla sua indennità di carica che è stata devoluta tutta a sostenere economicamente famiglie e persone in situazioni di precarietà economica. E’ stato pubblicato l’avviso e da questo momento si potrà inoltrare la domanda presso l’Ufficio Servizi Sociali, sito in Corso Umberto n. 146”.

Autonomia e dignità. Attraverso l’assegno civico, come evidenziato dal sindaco Bolognari, “si intende superare il mero assistenzialismo e promuovere esperienze di cittadinanza attiva, al fine di stimolare le potenzialità lavorative di coloro che versano in uno stato di difficoltà, prevenendo così eventuale isolamento e possibili forme depressive che spesso insorgono anche a causa dell’assenza di lavoro”. “Inoltre -continua il sindaco – l’intervento si propone di offrire al beneficiario un percorso lavorativo funzionale a favorirne l’autonomia e la dignità personale, per consentirgli di uscire dallo stato di indigenza e precarietà ed avviarsi verso un percorso di inclusione sociale”.

I luoghi. Gli interventi da attuare riguarderanno pulizia e custodia di spazi comuni (Cimiteri, Giardino Pubblico, Beni Culturali) ed interventi nel sociale per il sostegno alle persone anziane, ai disabili e ai Servizi scolastici. L’assegno civico previsto è di 500 euro mensili per 20 ore settimanali.

© Riproduzione Riservata

Commenti