Giuseppe Conte

“I casi che abbiamo registrato in Italia non sono pochi ma non dobbiamo spaventarci se i numeri cresceranno ancora. Siamo gli unici che abbiamo disposto la chiusura dei voli da e per la Cina e abbiamo controllato anche i voli indiretti. A Fiumicino abbiamo controllato con i termo-scanner 50 mila persone al giorno. Il problema è che un paziente può anche non avere febbre se il virus quindi è in incubazione, ma i numeri ci consentono di comprendere come si stia facendo tutto il possibile. Ora l’importante è cercare di contenere la diffusione dell’epidemia. Proteggeremo la salute dei cittadini”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte sugli sviluppi dell’emergenza Coronavirus.

I soggetti più a rischio. “Le persone che hanno patologie pregresse, i genitori e i nonni sono quelli più a rischio e bisogna pensare soprattutto a proteggere loro. In questo momento va evitato il panico e vanno invece seguite le autorità sanitarie. Tutti dobbiamo essere partecipi nel sostenere e condividere le misure per una maggiore prevenzione in tutto il territorio nazionale. Dobbiamo seguire le regole elementari di igiene e pulizia, soprattutto nelle zone interessate ora dal contagio. Ne usciremo tutti insieme vittoriosi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti