l'emergenza Coronavirus

Giardini Naxos. Psicosi e deprecabili episodi di allarmismo sociale rappresentano sempre più l’altra faccia della drammatica vicenda del Coronavirus, che sta mettendo in apprensione il mondo. E proprio nelle ore in cui sono stati effettivamente riscontrati in Lombardia diversi casi di contagio da Coronavirus, si è registrata invece ieri una vera e propria fake news che per qualche momento ha messo in apprensione alcuni cittadini nel comprensorio di Taormina e Giardini, raggiunti anche in altre zone d’Italia, da uno scherzo scriteriato.

La notizia ingannevole. Sui telefonini, infatti, di alcuni utenti è stato recapitato un messaggio WhatsApp nel quale richiamando una presunta (falsa) notizia avente come fonte un network nazionale (del quale ovviamente c’era soltanto il nome ma poi nessun link autentico) si leggeva: “L’Ospedale di Messina conferma primo caso di Coronavirus in Sicilia. La persona colpita sarebbe un noto impresario di Giardini Naxos”. Niente di vero, immediata la smentita da parte delle Forze dell’Ordine ed anche l’Asp Messina, contattata in tema, ha evidenziato prontamente che non esisteva nessuna emergenza e nella realtà non c’era nessuna notizia del genere.

Fake con beffa a luci rosse. Insomma una trovata di pessimo gusto fatto girare da qualcuno sui telefonini e che ha suscitato a primo impatto preoccupazione tra i destinatari, specie tra coloro che si erano soffermati soltanto sul testo e non si erano accorti che in realtà non esisteva nessun richiamo veritiero ad una testata nazionale che riportasse una tale notizia. Peraltro, a questa vera e propria fake news si accompagnava alla fine la scritta “ecco la notizia” e per i malcapitati che andavano a cliccarsi sopra c’era la beffa del link di una foto, un file jpg che se aperto mostrava un’immagine pornografica.

Evitare l’idiozia. Un esempio, insomma, decisamente eloquente di come la stupidità umana a volte supera ogni limite sino a speculare, senza alcun rispetto, su una vicenda nella quale tutti dovrebbero tenere un atteggiamento serio e responsabile, evitando non soltanto la psicosi ma anche l’idiozia di gesti gel genere che possono contribuire a creare una situazione di panico ed apprensione collettiva tra la gente.

© Riproduzione Riservata

Commenti