Taormina, Piazza S.Antonio
caos veicolare in piazza Sant'Antonio

Taormina. I nodi della viabilità di Taormina saranno oggetto di un summit dell’Amministrazione nella giornata di martedì a Palazzo dei Giurati. Si tratta di un confronto che intende portare, dunque, ad alcune decisioni in vista anche e soprattutto della stagione turistica.

Rebus Ztl. L’assessore alla Viabilità, Graziella Longo, sta cercando di sbrigare la matassa, che rimane complicata, del piano di circolazione che prevede per il futuro l’introduzione di un sistema di controllo elettronico del territorio mediante Ztl e telecamere. I tempi sono ormai stretti e quasi certamente non ci sarà modo di avviare il tutto quest’anno e si va verso un slittamento al 2021, tenendo conto che bisognerà portare la proposta di delibera in Consiglio comunale per il relativo project financing, al fine di esitare l’interesse pubblico dell’iniziativa, e bisognerà poi predisporre la gara all’Urega.

Costi da chiarire. Una svolta da tempo annunciata e che potrebbe essere accompagnata da un periodo di sperimentazione, e anche per questo si sta ragionando in prospettiva ma con la necessità, intanto, di prendere delle decisioni definitive sui contenuti dell’iniziativa ed anche perchè con la ditta proponente va trovata la quadra sulle cifre per coprire i costi del servizio. Le stime economiche fatte lo scorso anno, ricordiamo, avevano previsto un costo complessivo di 2 milioni e 400 mila euro nell’arco dei 12 anni di durata dell’affidamento all’impresa che si aggiudicherà la gara. E per la “Smart mobility management”, Ztl a controllo intelligente, nel 2018 era stato, in un primo tempo, ipotizzato un costo di circa Un milione e 200 mila euro, poi pertanto raddoppiato.

Regolamentare i flussi. Il progetto, in ogni caso, prevede la regolamentazione degli accessi veicolari in centro storico, tra Porta Messina, Porta Pasquale e Porta Catania, mediante l’impiego ed attivazione di circa 10 varchi elettronici, con telecamere che attraverso il proprio occhio elettronico rileverebbero la regolarità delle targhe dei mezzi in transito, pronte così a rilevare e segnalare l’infrazione di mezzi non autorizzati al passaggio. Sarà la stessa ditta gestore del sistema a produrre, inviare e riscuotere le multe (che andrebbero da 90 a 140 euro), e anche occuparsi delle rimozioni coattive. Nell’immediato si punterà a far arrivare la proposta di delibera in Consiglio comunale per imprimere un’accelerazione.

Bus turistici. Si punta anche a stabilire il percorso per i bus turistici in centro per questa stagione estiva, che a quanto pare potrebbero essere passare dalla Via Roma, limitatamente a mezzi di adeguate dimensioni, e cioè non i bus grandi ma dei pulmini. Al contempo si intende, di conseguenza, istituire il senso unico di transito sulla Circonvallazione, rendendola fruibile soltanto in direzione monte-valle.

Stretta sui pass. E si punta, poi, ad attuare al più presto una sforbiciata sui pass in circolazione, che stando a una stima degli uffici avevano raggiunto la quota record di 12 mila circa nel corso degli anni.

Il piano Carpita. Nel summit si parlerà anche del piano per il carico e scarico elaborato dall’assessore al Commercio, Andrea Carpita, che andrà di pari passo con il riordino della viabilità e che scatterà già nei prossimi mesi, prima dell’estate. Carpita punta a regolamentare l’accesso al Corso Umberto dei mezzi e ha già incontrato le ditte che effettuano le operazioni di rifornimento merci, con l’intenzione di liberare il “salotto” dal via vai di mezzi che trasforma il Corso in una corsia di autostrada. Tra le 9 e le 9.30 tutti fuori dal Corso è l’obiettivo che sarà ribadito nella riunione, che sarà propedeutica alle disposizioni da attuare.

© Riproduzione Riservata

Commenti