hotel San Domenico Palace di Taormina

Taormina. Si stringono i tempi per la riapertura dell’Hotel San Domenico, chiuso ormai da due anni ed atteso quest’anno al ritorno in attività in vista della stagione turistica. In attesa di certezze sulla data in cui si concretizzerà la riattivazione della struttura ricettiva che rappresenta un punto di riferimento per il turismo di Taormina e della Sicilia, i lavori vanno avanti e il Comune ha dato il nulla osta ad una richiesta della ditta esecutrice delle opere di ristrutturazione e restauro dell’hotel che per il 18 febbraio ha richiesto di poter movimentare un gruppo frigo. Ciò avverrà il 18 febbraio dalle ore 04,30 alle ore 07,30, e pertanto determinerà dei cambiamenti alla viabilità nella zona di Porta Catania. In particolare la chiusura temporanea della centralissima via Roma, per il transito di un automezzo di cantiere (autogru), passando da Porta Catania.

Nulla osta. Il Commissariato di Polizia di Taormina, interpellato dal Comune nelle scorse ore, non ha segnalato motivi ostativi al momentaneo spostamento del dissuasore posto in corrispondenza della predetta Porta Catania.

L’ordinanza. Pertanto, l’esecuzione di detti lavori, verrà vietata la circolazione dei veicoli nella via Roma, autorizzando il transito dell’autogru che effettuerà i lavori, nel senso di marcia a partire da Piazza S. Antonio Abate, attraverso Porta Catania (con sollevamento e ricollocazione – al termine dei lavori – del dissuasore posto in corrispondenza della predetta Porta Catania ), lungo il Corso Umberto, Piazza Duomo, Via Damiano Rosso, via Pietro Rizzo, Piazza San Domenico, via Roma (con il divieto assoluto di superare la via scesa Bastione), e viceversa dalle ore 04,30 del 18 febbraio 2020 fino al termine dei lavori. Il Comune di Taormina ha chiesto, ad ogni modo, “il rigoroso rispetto delle norme di sicurezza e del codice della strada, nonché di prevedere un itinerario alternativo per i veicoli in uscita dalla piazza San Domenico”.

Summit con il sindacato. Nelle prossime settimane, intanto, dovrebbero arrivare importanti aggiornamenti sul futuro del “San Domenico Palace”, visto che la Taormina Hotel Management ha fissato per la data del 18 febbraio la riunione chiesta dalla Fisascat Cisl. Le parti si sarebbero dovute incontrare già lo scorso 21 gennaio, poi c’è stato un rinvio. Si potrà in tal modo avere contezza della situazione per i lavoratori: nel 2018 la proprietà si impegnò con il sindacato a riassumere almeno il 60% dell’organico a tempo indeterminato e il 70% del personale con contratto a tempo determinato.

© Riproduzione Riservata

Commenti