controlli della Guardia di Finanza

Giardini. Blitz della Guardia di Finanza nella giornata di ieri al cimitero di Giardini Naxos. Le Fiamme Gialle della Compagnia di Taormina hanno avviato alcuni controlli all’interno dell’area cimiteriale comunale.

Riflettori sul lavoro nero. C’è stretto riserbo sui fatti oggetto degli accertamenti in corso da parte dei finanzieri ma gli uomini della GdF, a quanto risulta, potrebbero aver concentrato la loro attenzione sull’eventuale sussistenza di situazioni di lavoro nero. La GdF avrebbe acquisito atti e documentazione per appurare lo stato delle cose per quanto concerne le attività in essere nel cimitero di Giardini Naxos sin qui affidato dal Comune per la gestione ed espletamento dei relativi servizi ad una ditta del Comune di Sant’Angelo a Fasanella (Salerno).

Estumulazioni in corso. Proprio in questi giorni, tra l’altro, sono state avviate all’interno del cimitero delle attività finalizzate alla traslazione di svariate salme per la loro sistemazione definitiva, con la previsione da qui alle prossime settimane di circa 70 estumulazioni, di cui intanto sono state compiute le prime dieci. Il Comune, con ordinanza sindacale, aveva disposto sulla base di un verbale Asp la chiusura del cimitero già per la giornata del 5 febbraio scorso, per motivi igienico-sanitari e di sicurezza pubblica. Tutto è poi slittato alla giornata di ieri, quando il cimitero è rimasto chiuso al pubblico e nella mattinata si è registrato l’arrivo della Guardia di Finanza.

La gestione dei servizi. Le Fiamme Gialle avrebbero operato nell’ambito delle attività di controllo per la prevenzione ed individuazione di casi di lavoro nero. Per quanto concerne il cimitero di Giardini nel 2018 il Comune, con iter istruito dall’Ufficio Tecnico Comunale, ha effettuato una procedura pubblica di scelta del contraente in oggetto ad un bando per l’esternalizzazione mediante concessione a terzi dei servizi cimiteriali. I servizi sono stati allora affidati ad una ditta della Campania per un importo di 100 mila 036,07 euro, con data di “inizio lavori, servizi, fornitura” il 22/10/2018, mentre la prevista “ultimazione dei lavori, servizi, fornitura” è stata indicata nel 21 ottobre 2028.

© Riproduzione Riservata

Commenti