novità per i posti auto riservati agli alberghi

Taormina. Via libera del Consiglio comunale di Taormina alla regolamentazione annuale dell’assegnazione di posti auto alle strutture alberghiere. Nell’ambito di una delibera che ha disposto l’adeguamento Istat del canone per occupazione di suolo e aree pubbliche (come il mercato comunale), è stata inserita e istituita un’ulteriore tariffazione per sanare la questione.degli stalli riservati agli alberghi, con l’applicazione di un canone da pagare anche dopo il 31 ottobre, nei mesi invernali (da novembre a febbraio).

Vulnus da sanare. “Oggi gli alberghi anche chiudendo al 31 ottobre dispongono del posto auto per gli altri mesi – spiega l’assessore al Commercio, Andrea Carpita – e c’è anche chi mette le catene. Abbiamo impostato un ragionamento diverso, dando modo a chi rimarrà aperto di continuare ad avere il posto ma versando un canone. Ciò consentirà al Comune di avere un maggior gettito. Chi sarà aperto anche a novembre, dicembre o gennaio e febbraio potrà mantenere il diritto del posto macchina, ma sino ad oggi, in base a quanto sinora in vigore, la tariffa andava pagata dal 1 marzo al 31 ottobre. Stiamo regolamentando la fruizione di uno spazio che da chi rimane aperto a novembre e dicembre non veniva pagato. Si va a sanare un “vulnus” che esisteva in questo senso, e così chi rimarrà in attività nei mesi invernali potrà continuare ad avere il posto auto ma pagando anche quel periodo”.

No alla scontistica. “Gli albergatori – continua Carpita – ci avevano chiesto una scontistica ed eventualmente di incentivare le strutture che restano aperte d’inverno esentandole dal pagamento del suolo in quel periodo, ma questo al momento non possiamo consentirlo. Gli alberghi dovranno comunicare il periodo di apertura e quello di chiusura, richiedendo agli uffici comunali la tariffa di occupazione del suolo per tutto l’anno. Non ci sarà più la possibilità di fare la stagione turistica e poi continuare ad avere il posto a prescindere per tutto l’anno e senza pagare nei mesi invernali”.

Richiesta e controlli. “Noi diamo l’opportunità, pagando, di avere il suolo pure in bassa stagione in una situazione nella quale sin qui dopo il 31 ottobre la tariffa non era prevista. Il controllo da parte del Comune verrà fatto nel momento in cui le strutture comunicheranno il loro periodo di operatività e questo discorso riguarderà anche chi, ad esempio, recinta pezzi di strada con le catene o le situazioni di alberghi che si trovano ad avere degli spazi sia dentro che fuori da verificare. In ogni caso il posto auto andrà richiesto al Comune”.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti