il liquidatore Antonio Fiumefreddo

Taormina. Vertice su Asm a Palazzo dei Giurati. Il liquidatore Antonio Fiumefreddo ha incontrato il presidente del Consiglio comunale, Lucia Gaberscek, l’assessore alle Partecipate, Andrea Carpita e l’assessore alle Politiche finanziarie, Alfredo Ferraro, per fare il punto della situazione sulla municipalizzata. Il commissario liquidatore ha riferito nell’occasione sullo stato delle procedure finalizzate a portare Asm fuori dalla liquidazione infinita che va avanti ormai dal 2011.

I tempi. Fiumefreddo, che è giunto al giro di boa del mandato di 8 mesi conferitogli dal Consiglio comunale lo scorso 29 agosto, intende trasmettere al Consiglio una proposta di delibera di fine liquidazione che si ipotizza possa arrivare all’attenzione dell’assemblea nel periodo di aprile. L’obiettivo è quello cioè di essere pronti a discutere la questione prima del bilancio di previsione 2020 del Comune, che pare invece destinato ad approdare all’esame del Civico consesso nel mese di maggio.

Il rebus dei bilanci. Ma non mancano gli ostacoli da superare e i nodi da sciogliere. In particolare rimane da definire il percorso di esame dei bilanci della municipalizzata: dal 2011 in poi, come si sa, tutti gli esercizi non sono più arrivati in Consiglio comunale. Si valutano ora due ipotesi: la prima e’ quella più complessa e certamente più lunga da affrontare che ipotizzerebbe una discussione in Consiglio di tutti i vari bilanci del decennio appena trascorso. Uno scenario che prolungherebbe quasi certamente i tempi e che potrebbe anche far saltare l’aspettativa di uscire dalla liquidazione nel 2020. L’altra soluzione sarebbe invece quella di esaminare in Consiglio soltanto i più recenti bilanci ed in particolare tenendo conto che occorrono tre esercizi finanziari consecutivi – gli ultimi in ordine di tempo – in attivo. Una condizione che pare esserci da parte di Asm e che potrebbe imprimere un’accelerata al piano di riassetto gestionale dell’azienda. Appare sempre più probabile il conferimento ad una società di revisione contabile per la certificazione dei bilanci.

Il piano. Riassumendo: bilanci degli ultimi tre anni da portare in Consiglio comunale con incarico intanto a una società specializzata per la certificazione dei conti di Asm, con il dibattito in aula da avviare (per forza di cose) prima del bilancio comunale di previsione. Questo il piano che stanno ipotizzando Comune di Taormina e Asm per tirare fuori l’azienda dalla liquidazione.

Strada in salita. Prima di tutto occorrerà, ricordiamo, definire ed esitare i contratti di servizi tra Comune ed Asm, chiudere la querelle del dare-avere e sistemare i vari aspetti della contabilità di contrada Lumbi, come sollecitato anche dai revisori del Comune. La strada verso la fine della liquidazione, in definitiva, rimane in salita, la politica spinge per una svolta ma l’impressione è che ci vorrà ancora tempo.

© Riproduzione Riservata

Commenti