il countdown di Capodanno 2020 a Taormina

Taormina. La Città di Taormina ha accolto il 2020 con il Countdown di mezzanotte in piazza Duomo, dove tanta gente e numerosi avventori giunti in città da altre zone dell’hinterland e della Sicilia hanno voluto festeggiare l’avvento del nuovo anno all’insegna di musica, balli ed un clima di gioia.

Piazza piena. Gran pienone per l’evento organizzato dal Comune di Taormina e dalla cooperativa “ ITC XXIV Maggio”, che ha proposto dalle 22 sino alle 2 di notte musica e divertimento con il promoter Salvo Mannino, Keven La Croce (in arte “Kobra”) e con la conduzione di Sara Putrino e la presenza di Serena Petralia (seconda classificata a Miss Italia 2019), Ambra Lombardo, Desiree Mazza, ed il dj Joe Bertè.

Capodanno in sicurezza. La notte di Capodanno si è svolta sotto “l’occhio vigile” delle Forze dell’Ordine (Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza) che hanno presidiato piazza Duomo e hanno anche svolto vari servizi di controllo a Taormina (e nell’hinterland) per garantire la sicurezza e l’incolumità della movida, in riferimento al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e in oggetto al rispetto delle normative sulla sicurezza nei locali.

Destinazione Taormina. Il bel tempo ha incoraggiato numerosi avventori a raggiungere Taormina la notte del 31 dicembre e poi anche nella giornata di Capodanno. In tanti si sono concessi l’immancabile passeggiata in Corso Umberto, nel “salotto” di Taormina, hanno visitato i palazzi storici della città e si sono recati in particolare al Teatro Antico.

Aperture e chiusure. Molti giovani hanno deciso di trascorrere la notte del 31 prima brindando in piazza Duomo e poi spostandosi nei dancing della zona, non solo a Taormina ma anche a Giardini Naxos. Gli alberghi per la maggior parte sono rimasti chiusi dopo aver terminato la stagione già il 30 ottobre scorso, in assenza di significative presenze in paese, ma le strutture rimaste aperte hanno comunque accolto in buon numero l’utenza, con una disponibilità di circa 1200 posti letto. Sono stati, invece, abbastanza attivi i ristoranti, i bar e i pub.

Fino alla Befana. Le attività commerciali hanno ripreso a lavorare in queste ore a pieno regime, e così sarà sino al 6 gennaio, giornata della Befana, avendo consapevolezza che poi per tornare ad avere un ritorno turistico ed economico significativo si dovrà attendere il periodo di Pasqua. Alcuni turisti, provenienti da altre zone della Sicilia ma in qualche caso pure dall’estero hanno scelto di trascorrere il Capodanno cenando la sera del 31 dicembre nei ristoranti della zona, con un menù a base di pesce, per poi brindare nei locali. Nell’occasione si sono riempiti i parcheggi Porta Catania e Lumbi, che hanno replicato il pienone di Natale e Santo Stefano. Non sono mancati alcuni parapendisti e deltaplanisti che hanno approfittato del tempo soleggiato per lanciarsi dalle colline che sovrastano la cittadina turistica, per poi planare sulle spiagge della zona.

Il concerto. Al Palacongressi si è svolto ieri sera il tradizionale Concerto di Capodanno dell’Orchestra a plettro Città di Taormina diretta dal maestro Tonino Pellitteri. Il concerto di quest’anno ha segnato l’inizio dei festeggiamenti per i 110 anni dalla nascita della storica Orchestra taorminese. Il programma ha reso omaggio ai maestri che si sono succeduti nel corso di questa lunga storia di amore per la musica e gli strumenti a plettro, ma è stata anche l’occasione per eseguire alcuni brani tratti dal grande repertorio sinfonico-operistico e dalla canzone napoletana, e con l’esecuzione inoltre di nuove composizioni tratte dal nuovo lavoro discografico dal titolo ‘Soundtracks’.

Presepe vivente. Si è, infine, confermata anche ieri come una delle più apprezzate attrattive presenti in città nel periodo delle festività il Presepe Vivente a Trappitello, organizzato come ogni anno nella frazione dalla Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù di Trappitello, con tantissimi visitatori anche in questa edizione, provenienti da tutta la Sicilia.

© Riproduzione Riservata

Commenti