parcheggio Porta Pasquale

Taormina. Alle porte del 2020, a sorpresa, torna d’attualità l’opportunità di un trasferimento della gestione del parcheggio Porta Pasquale dal Comune di Taormina all’Asm. Il parcheggio comunale, in attività dal 2014 con una gestione direttamente a cura della casa municipale, sembrava ormai fuori dai “radar” della municipalizzata e più volte si era ipotizzato un passaggio che poi non c’è mai stato. Stavolta però a invitare il Comune a rivedere la situazione sono alcuni rilievi mossi dal Collegio Revisori dei Conti di Palazzo dei Giurati.

Scelta anomala. “E’ anomalo – ha dichiarato la presidente del Collegio, Margherita Fontana – che il Comune gestisca questo parcheggio quando Asm ha la gestione di tutti gli altri posteggi comunali. Per noi non ha senso. Tra l’altro, non andrebbe ad intaccare nemmeno le coperture nel bilancio del Comune, perché togliendo l’entrata e l’uscita di questo parcheggio dai servizi a domanda individuale si raggiungerebbe comunque la percentuale minima richiesta dalla legge”.

Project financing. Il nuovo anno, quindi, potrebbe riproporre stavolta in termini più concreti lo scenario passaggio dell’area a sosta ad Asm. Tale soluzione sembrava definitivamente tramontata dopo che l’Amministrazione ha inserito il “Porta Pasquale” nel piano per la futura viabilità che dal 2020 prevede il controllo della viabilità con Ztl e telecamere. Tra i punti inseriti per la gestione del piano che dovrebbe essere attuato dal privato che si aggiudicherà il project financing c’è anche il Porta Pasquale, che rientra in sostanza nel computo degli stalli che dovranno consentire alla società vincitrice della gara di poter ammortizzare i costi dell’investimento nei prossimi anni. Quindi, ciò sembrava aver decretato la fine delle ripetute voci di un affidamento del Porta Pasquale all’Asm, che già gestisce i posteggi comunali Lumbi e Porta Catania. Ma, ora, come detto tutto torna in discussione.

© Riproduzione Riservata

Commenti