Lucia Gaberscek

Taormina. Il commissario ad acta per il bilancio pluriennale, Angelo Sajeva, imprime un’accelerazione nella trattazione dell’intricata situazione finanziaria del Comune di Taormina e con “intervento sostitutivo per mancata approvazione dello schema 2019-2021” convoca per il 23 dicembre il Consiglio comunale. Mossa a sorpresa, dunque, del funzionario regionale per affrontare l’approvazione del documento unico di programmazione 2019-2021 ed il bilancio di previsione degli esercizi finanziari 2019-2021.

Si può deliberare. Secondo Sajeva, che ha inviato la sua determinazione in un’apposita nota alla presidenza del Consiglio, ai consiglieri ed al sindaco e ai revisori, ci sono, insomma, i presupposti e le condizioni per andare in aula, discutere ed esitare in Consiglio il bilancio, nonostante nei giorni scorsi ci sia stato il parere negativo espresso dai revisori dei conti del Comune che avevano riscontrato “gravi criticità” nel pluriennale dell’ente.

Un segno tangibile. “La convocazione del Consiglio da parte del commissario Sajeva – spiega il presidente del Consiglio comunale, Lucia Gaberscek -, è segno tangibile che lo stesso ha valutato positivamente la bontà degli atti prodotti. Tra l’altro, la discrasia tra le nostre previsioni regolamentari vigenti e quelle che sono le nuove previsioni di legge ci avrebbero potuto lasciare impantanati mettendo così in pericolo la approvazione dei documenti entro il 31.12.2019, situazione questa evidentemente inaccettabile per il bene e il futuro della nostra città”.

Gesto di responsabilità. “Il commissario ad acta, in quanto tale – continua Gaberscek -, ha piuttosto i poteri per una convocazione che deroghi alla normale tempistica, senza nulla togliere alle legittime competenze dei consiglieri che, al contrario, potranno affrontare con maggior tempo e serenità la trattazione del documento finanziario in aula. Anche su questo argomento è necessario un gesto di responsabilità istituzionale, cercando di velocizzare la trattazione del documento e la conseguente approvazione solo e nell’esclusivo interesse della nostra comunità”. Sajeva ha comunicato la sua decisione di convocare il Consiglio nel corso di una riunione con il sindaco Mario Bolognari, con il presidente del Consiglio, Gaberscek, e con l’assessore al Bilancio, Alfredo Ferraro.

Entro 5 giorni. Per il commissario “il bilancio e gli atti propedeutici dovranno essere approvati nel termine massimo di 5 giorni dalla data della disposta adunanza”, “decorso questo termine si provvederà in via sostitutiva all’approvazione del bilancio e l’esercizio dell’azione sostitutiva con adozione delle deliberazione commissariali comporterà l’applicazione delle sanzioni previste”.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti