Palazzo dei Giurati, sede del Comune di Taormina

“Tutti insieme per dire No alla violenza contro le donne”. E’ lo striscione apposto sul prospetto principale del Comune di Taormina con la facciata di Palazzo dei Giurati che s’illumina di rosso per esprimere con fermezza ed in termini inequivocabili la posizione della città alla vigilia della giornata internazionale – del 25 novembre – per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Numeri inaccettabili. I dati diffusi dalla Polizia di Stato sulle violenze hanno ormai raggiunto livelli inaccettabili. Il numero dei femminicidi è passato dal 37% del 2018 al 49% tra gennaio ed agosto 2019 e nel 61% dei casi l’autore del reato è il partner. Ogni 72 ore in Italia una donna viene uccisa da una persona di sua conoscenza, solitamente il suo partner; 3 femminicidi su quattro avvengono in casa; il 63% degli stupri è commesso da un partner o ex partner. “La violenza – sostengono i movimenti anti-violenza sulle donne – non ha passaporto né classe sociale, ma spesso ha le chiavi di casa e si ripete nei tribunali e nelle istituzioni”.

Mattanza quotidiana. Ogni giorno in Italia 88 donne sono vittime di violenza, una ogni 15 minuti. Vittime senza distinzione di latitudine in tutto il Paese. Maltrattamenti, atti di stalking, violenze sessuali, percosse: una mattanza ormai quotidiana che si consuma con le mani ma anche con armi da taglio e oggetti contundenti, sino addirittura ad armi da fuoco. E’ un’escalation agghiacciante di atti di violenza non più tollerabile e contro la quale anche la Città di Taormina dice No e ribadisce un messaggio: Ora basta, la barbarie va fermata una volta per tutte.

© Riproduzione Riservata

Commenti