Orlando Russo, sindaco di Castelmola

Il Comune di Castelmola dichiara “guerra” ai morosi delle bollette d’acqua. Il sindaco Orlando Russo ha diffuso un avviso pubblico nel quale informa la cittadinanza che a partire da lunedì 2 dicembre la Polizia locale ed il personale dell’Ufficio Tecnico “procederanno al distacco e alla riduzione della fornitura idrica a tutte le utenze che dovessero presentare un’esposizione debitoria ed in assenza e/o inadempienza al piano di rateizzazione concesso dall’ente”.

L’avviso. “Si informa, altresì – continua l’avviso – che il personale comunale procederà direttamente al distacco/riduzione senza ulteriori comunicazioni o preavvisi, anche in assenza dei titolari del contratto di fornitura in conformità al vigente regolamento del civico acquedotto, approvato con delibera di Consiglio comunale n.12 del 29 marzo 1999”.

Furbetti nel mirino. “Sia chiaro – spiega il sindaco Russo – che non vogliamo colpire le persone che affrontano problemi di povertà o che, insomma, sono in effettive difficoltà economiche. Vogliamo individuare i cosiddetti “furbetti” che non pagano quanto dovuto al Comune. Ci sono degli utenti dei quali è persino difficile rintracciare l’effettiva residenza e quindi il provvedimento che stiamo per fare scattare è necessario a individuare chi anziché pagare si sottrae ai propri obblighi”.

I numeri dell’evasione. “Stando alle stime dei nostri uffici – aggiunge Russo – si riscontrano circa 150 mila euro di bollettazione idrica non pagata al Comune di Castelmola, un importo inaccettabile e sul quale andremo a verificare, una per una, tutte le situazioni e a cercare di recuperare gli importi dovuti dai contribuenti. In questa prima fase ci concentreremo sulle utenze residenziali, valutando poi ovviamente anche quelle inerenti le attività economiche presenti sul territorio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti