la petizione per la statua della Sacerdotessa di Iside

La Città di Taormina lancia una petizione per sensibilizzare la Regione Siciliana a riportare nella Perla dello Ionio la Statua marmorea del 2° secolo d.C. della Sacerdotessa di Iside “Si tratta di una statua ritrovata qui nel 1867 – afferma il taorminese Pancrazio Faraci, promotore dell’iniziativa- e che oggi si trova a Palermo presso il Museo archeologico regionale Antonio Salinas. L’iniziativa per riportare a Taormina la statua è stata avviata con una petizione online, che a breve potrebbe avere il seguito di una vera e propria azione formale da parte dell’Amministrazione comunale.

La storia. Nel 1867 è stata ritrovata a Taormina nell’area dell’attuale Chiesa di San Pancrazio costruita sull’ex Tempio di Giove Serapide., una bellissima statua marmorea del II° secolo d. C. raffigurante la Sacerdotessa di Iside. Oggi la statua si trova esposta a Palermo presso il museo archeologico regionale Antonio Salinas. Poichè l’opera appartiene alla Regione Sicilia, si è inteso aprire una petizione popolare per sensibilizzare il presidente della Regione Siciliana a restituire legittimamente la statua di proprietà della città, essendo stata qui a suo tempo ritrovata.

a statua della sacerdotessa di Iside

L’idea. La Città di Taormina in atto non ha un museo archeologico, tenuto conto che l’allestimento a suo tempo previsto alla Badia Vecchia non si è mai concretizzato, ma potrebbe essere esposta all’interno di Palazzo Ciampoli, bene di proprietà della stessa Regione e di recente affidato al Parco archeologico di Naxos-Taormina.

Input per un museo. Potrebbe, quindi, costituire di riflesso anche un importante input per la creazione di un importante museo archeologico regionale in loco, tanto auspicato da cittadini e turisti. Si evidenzia anche l’importanza turistica a livello internazionale della Città di Taormina e, dunque, si chiede il trasferimento definitivo della statua a Taormina, con un’iniziativa che potrebbe ora essere formalizzata anche dal Comune di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti