La sbarra in Via Timeo
la sbarra in Via Timeo

Doveva rappresentare un “argine” al transito sistematico di numerosi mezzi veicolari verso piazza Santa Caterina, Corso Umberto ed il “salotto” della città, e invece la sbarra elettronica di Via Timeo rischia ormai di rappresentare un “lascia-passare” per tanti-troppi utenti.

Solo per residenti. Dalla sbarra, infatti, qualche anno fa, quando venne collocata tale struttura, si era deciso che dovessero poter transitare soltanto i residenti in zona che necessitano di accedere per raggiungere le Vie Timeo e poi dalla discesa di Palazzo Corvaja la vicina Teatro Greco, o le sottostanti aree di Via Di Giovanni, e i limitrofi quartieri. Ovviamente il passaggio è stato anche consentito alle Forze dell’Ordine e ai mezzi di soccorso. Le cose però almeno sin qui sono andate diversamente. Parecchi telecomandi per la sbarra sarebbero stati clonati, così da quelle parti transita anche chi presumibilmente non dovrebbe averne titolo e si è determinata una progressiva situazione di “liberi tutti”.

Boom di accessi. Al momento, stando ad alcune stime non ufficiali in possesso anche dell’Amministrazione comunale, vi sarebbero in circolazione, circa 400 pass e 800 accessi telefonici, quindi almeno 1200 persone che accedono dalla sbarra elettronica di Via Timeo. Il dato è impietoso e rende in termini eloquente l’idea. La sbarra che doveva servire soltanto per i residenti della Via Teatro Greco e la Via Di Giovanni è un passaggio che almeno sinora è stato decisamente poco restrittivo e ha perso la propria funzione di elemento funzionale ad una Zona a Traffico Limitato.

Il paradosso del 118. Paradossalmente se c’è chi ha incontrato difficoltà sino a questo momento per poter transitare dalla sbarra di Via Timeo sono stati i mezzi di soccorso, con l’ambulanza del 118 di Taormina che per alcuni mesi, benché autorizzata, era rimasta impossibilitata a transitare da questa struttura perché la sbarra non si apriva ed è un “giallo” che si è risolto soltanto di recente, nello scorso mese di ottobre, a seguito di una nostra segnalazione. In vista, dunque, del futuro piano di viabilità che dal 2020 dovrebbe contemplare l’entrata in vigore a Taormina del controllo della circolazione con Ztl e telecamere, uno degli aspetti fondamentali da affrontare e risolvere sarà proprio quello di ripartire da zero nelle autorizzazioni per il passaggio dalla sbarra di Via Timeo, limitando il numero dei telecomandi e più in generale di tutti gli accessi veicolari.

© Riproduzione Riservata

Commenti