acqua alta a Venezia

Incubo acqua alta a Venezia, dove la splendida città lagunare resta ormai da giorni nella morsa del maltempo e di continui allagamenti che stanno mettendo in ginocchio una delle località simbolo dell’arte, della cultura e del turismo d’Italia e del mondo. Anche oggi l’alta marea ha invaso di nuovo Venezia e si sono raggiunti i 155 centimetri alle ore 12.35, quindi rapidamente l’acqua è iniziata a scendere, “trascinando” con sé anche l’acqua in laguna.

I volontari in campo. Il Sistema di Protezione civile sta impiegando in città oltre 280 volontari appartenenti a gruppi comunali e alle associazioni della Città lagunare, della Città metropolitana e delle province di Padova, Treviso e Rovigo. Gli interventi sono coordinati dalla Centrale radio di Mestre dei volontari del Comune di Venezia, che raccoglie indicazioni e segnalazioni che giungono provenienti dal Centro operativo comunale nella sede della Polizia locale di Palazzo Poerio, a Venezia. I volontari sono presenti capillarmente in tutto il territorio prima del picco di marea, per gestire e raccogliere le varie necessità e, in seguito, per prestare soccorso alla popolazione. Le squadre presteranno servizio anche nelle isole di Burano, Murano, Torcello, Sant’Erasmo, Pellestrina, Lido, Giudecca.

Si parla di danni per circa Un miliardo di euro e sul disastro che sta flagellando Venezia si stanno registrando molteplici attestati di solidarietà da tutta Italia. Anche diversi cittadini di Taormina, soprattutto attraverso i social ma anche con un contributo per la raccolta fondi, in queste ore hanno rivolto dei messaggi ai veneziani per fare sentire la loro vicinanza in questo momento di grande difficoltà. Dalla capitale del turismo siciliano ad una delle capitali del turismo nazionale ed europeo, insomma, l’invito a non mollare e a continuare a lottare per superare il drammatico momento.

© Riproduzione Riservata

Commenti