Papa Francesco

Fervono i preparativi per il viaggio in Vaticano del Ccpm Taormina. Nella giornata di sabato prossimo (16 novembre) i genitori dei bambini ricoverati ed in cura al Centro di Cardiochirurgia Pediatrica di Taormina parteciperanno infatti ad un’apposita udienza di Papa Francesco. L’atteso ed emozionante evento sta vedendo impegnato nella preparazione della trasferta romana il Comitato genitori del Ccpm che ha accolto con soddisfazione questa opportunità per la quale si è attivata Mariella Enoc, presidente dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che gestisce la struttura specialistica di Taormina.

Una giornata da ricordare. “C’è tanta emozione e una comprensibile felicità per questo momento che vivremo tra pochi giorni – spiega la portavoce del Comitato, Caterina Rizzo –. Insieme alle famiglie e i parenti dei piccoli in cura al Ccpm, potremo prendere parte all’udienza del Santo Padre per la Comunità dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che si terrà nell’aula Paolo VI in Vaticano. Vogliamo ribadire il nostro più sincero e sentito ringraziamento alla dott.ssa Mariella Enoc (presidente del Bambino Gesù) per aver ascoltato le nostre richieste e per averci dato questa bellissima opportunità di poter incontrare il Santo Padre”.

Aspettando la svolta. Le famiglie dei piccoli in cura al centro di Taormina avranno così modo di vivere un’esperienza certamente toccante e intanto sperano che si possa arrivare presto ad una svolta sul futuro della struttura di contrada Sirina. La volontà dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, che da 9 anni gestisce la struttura, è quella di siglare una intesa con la Regione Siciliana e l’Asp Messina per proseguire l’impegno con il Ccpm all’ospedale San Vincenzo. La bozza per la nuova convenzione è pronta già da tempo e si ipotizza un’intesa triennale, ora si attende il nulla osta definitivo da parte della Regione. L’attuale convenzione in essere scadrà a luglio 2020 ma le parti vogliono proseguire una collaborazione che ha reso il Ccpm un centro di riferimento in Sicilia e nel Sud.

© Riproduzione Riservata

Commenti