lettera di licenziamento all'Asm

Il liquidatore di Asm, Antonio Fiumefreddo, destituisce un dipendente dell’azienda municipalizzata di Taormina. La decisione è stata formalizzata ed ha quindi assunto i crismi dell’ufficialità con apposita determina firmata da Fiumefreddo (e congiuntamente dal responsabile del procedimento Maurizio Puglisi) nella giornata di ieri. Il licenziamento verte su “gravi fatti” avvenuti “in precedenza” a completamento di una procedura avviata quando l’azienda era guidata dall’ex liquidatore Agostino Pappalardo. Adesso, dal nuovo liquidatore dell’ente arriva, dunque, questo segnale che scuote Asm e si registra negli stessi giorni in cui sono in corso accertamenti per un’altra inquietante vicenda verificatasi in azienda, che sta interessando alcuni accessi abusivi ai computer di contrada Lumbi.

Il provvedimento. Il licenziamento del dipendente è stato notificato allo stesso con “L’esito del procedimento disciplinare nei suoi confronti, consistente nella destituzione con effetto immediato per gravi fatti contestati in precedenza”. “Occorre pertanto procedere con gli ulteriori adempimenti amministrativi conseguenziali e pertanto comunicare il provvedimento agli uffici amministrativi e al consulente del lavoro”.

Indagini sui computer violati. Nel frattempo, come detto, vanno avanti gli accertamenti su un altro fronte, quello concernente cioè il giallo dei computer di Asm nei quali sono stati riscontrati “accessi abusivi” a partire dal 2017. Le verifiche in corso stanno riguardando la contabilità ed in particolare il computer centrale che registra gli incassi dei parcheggi e della funivia. Fiumefreddo sta effettuando, in tal senso, i vari passaggi procedurali dovuti, ed è stata predisposta la trasmissione alla Polizia Postale dei recenti rilievi effettuati da un esperto informatico. Il caso si è avviato verso le relative indagini dell’Autorità Giudiziaria ed è una brutta storia che rischia di assumere sviluppi tanto imprevedibili quanto clamorosi.

© Riproduzione Riservata

Commenti