l'Azienda Servizi Municipalizzati

Mentre proseguono le indagini sugli accessi abusivi ai computer di Asm Taormina, i sindacati chiedono al liquidatore Antonio Fiumefreddo un incontro per iniziare ad affrontare alcune ulteriori problematiche presenti all’interno dell’Azienda Servizi Municipalizzata. La Faisa Cisal ha inviato ieri un’apposita nota a Fiumefreddo nella quale pone sul tavolo di discussione quattro questioni da dirimere al più presto e la lettera è stata trasmessa per conoscenza anche al sindaco, all’assessore alle Partecipate, al Presidente del Consiglio e alla Prima Commissione Consiliare e ai consiglieri comunali. Si tratta, nello specifico, di un “sollecito di richiesta di documentazione e di incontro sindacale”.

La lettera. “Si richiede – scrive il segretario aziendale di Faisa Cisal, Concetto Pirri – documentazione del sistema di videosorveglianza già protocollata in Azienda con pec il 3 giugno 2019; inoltre copia dell’elenco dei ricorsi pendenti tra il personale e Asm, già protocollata in Azienda con pec il 13 settembre 2019. Chiediamo un incontro sindacale per trattare la carenza dell’organico aziendale, già protocollata in Azienda con pec il 13 settembre 2019. Inoltre si richiede copia elenco mensile di ogni settore con le rispettive ore di straordinario, mancati riposi e ferie pagate effettuati dal 1 gennaio 2018 ad oggi dal personale effettivo interinale, già protocollata in Azienda con pec il 3 ottobre 2019”.

Inizia il confronto. Si va, insomma, verso l’apertura di un confronto tra i sindacati e i vertici dell’azienda, e quindi anche il Comune, su alcune questioni interne alla municipalizzata, e ed è presumibile che si stia prospettando anche un faccia a faccia dedito ad iniziare a chiarire e tracciare il futuro di Asm, che dopo 8 anni di liquidazione potrebbe uscire nel 2020 da quella che è diventata una interminabile stagione di commissariamento.

Interpello interno. Intanto ieri il liquidatore ha disposto l’avvio di una procedura di interpello per la ricerca di risorse interne da inserire nel settore amministrativo dell’azienda. “Occorre aumentare – scrive Fiumefreddo – le unità di amministrativi con competenze contabili per sopperire alle necessità aziendali e portare nel più breve tempo possibile a compimento l’avviata ricostruzione dei dati contabili dal 2011 ad oggi”. L’iter rivolto ai dipendenti di Asm porterà all’inserimento di 3 unità negli uffici amministrativi dell’azienda, dove ci sarà dunque da lavorare per mettere ordine nella contabilità dell’ente.

© Riproduzione Riservata

Commenti