Salvo Cilona, consigliere di opposizione

“Le recenti dichiarazioni in Consiglio comunale del liquidatore di Asm non ci hanno affatto convinto. Abbiamo più di una perplessità sul futuro dell’azienda e di questo Comune, due destini strettamente legati uno all’altro. Speriamo di sbagliarci ma il forte timore è che ci stiamo preparando a una Messinambiente 2.0”. Così il consigliere di opposizione, Salvo Cilona, lancia bordate sull’attuale condizione dell’Asm ora affidata all’avvocato Antonio Fiumefreddo, che nei giorni scorsi aveva relazionato in Consiglio comunale sullo stato dell’azienda e sulle prospettive di fuoriuscita dalla liquidazione in atto dal 2011.

Cosa c’è sotto? “Il 12 novembre discuteremo in Consiglio il bilancio consuntivo 2017 del Comune, il previsionale 2019 del Comune è destinato ad essere approvato forse quando saremo già nel 2020 ed è evidente che c’è una situazione di forte ritardo – spiega Cilona – ma tutto è agganciato allo scenario sempre più incerto di Asm, dove a mio avviso si prevedono colpi di scena incredibili. La relazione fatta in aula dal liquidatore Fiumefreddo non mi ha convinto affatto e c’è da essere preoccupati. Chiederemo spiegazioni già nella prossima seduta di Consiglio comunale. Abbiamo fondati motivi per essere convinti che se non verrà individuato in fretta un percorso chiaro riguardante Asm si rischierà davvero una Messinambiente 2.0. Su Asm chiedo: cosa c’è sotto? I tempi per uscire dalla liquidazione possono anche essere brevi come ipotizza il liquidatore e come tutti auspichiamo, ma bisogna vedere giuridicamente cosa bisognerà fare per rendere efficace la procedura di riassetto dell’azienda. Non si può uscire dalla liquidazione dell’azienda senza prima approvare i bilanci”. Al momento i bilanci Asm dal 2011 in poi non sono stati esitati dal Civico consesso.

Bilancio armonizzato. “Nel 2015 l’allora Amministrazione Giardina – conclude Cilona – ha fatto un accertamento straordinario dei residui attivi e passivi, perché poi dal 2016 è entrato in vigore il bilancio armonizzato per i Comuni. Tutte le società partecipate devono presentare al Comune un bilancio che diventa propedeutico al consuntivo dei Comuni. Tutto questo qui non è successo e questa mancanza non può essere imputata alla Giunta Giardina. La non approvazione dei bilanci Asm mette in difficoltà il Comune. La Corte dei Conti potrebbe fare un’azione forte nei confronti della città e sarebbe doloroso dopo i sacrifici fatti negli anni passati per portare i conti in ordine nel nostro Comune”.

© Riproduzione Riservata

Commenti