la festa a Villa Garbo per i 50 anni del megastore Vittorio Sabato

Festa grande nella meravigliosa location di Villa Garbo (a Letojanni) per i 50 anni del megastore “Vittorio Sabato”, l’azienda taorminese che prende il nome dall’imprenditore Vittorio Sabato, fondatore e protagonista di una brillante realtà che ha raggiunto il mezzo secolo di vita. Un altro momento da ricordare, dunque, per il cavaliere Sabato, e per la sua famiglia, a distanza di pochi giorni dal riconoscimento del “Leone d’Oro” alla carriera, ottenuto a Venezia il 25 ottobre scorso al Palazzo della Regione Veneto.

Una storia di sacrifici. Per celebrare i 50 anni della “Vittorio Sabato” si è così tenuta una splendida festa alla presenza della famiglia Sabato al gran completo e dei lavoratori, che di fatto rappresentano parte integrante della famiglia stessa in questa impresa, e c’erano a Villa Garbo anche amici e conoscenti che hanno voluto condividere lo storico traguardo del megastore per la casa e l’edilizia, sito a Trappitello. Sabato, alla presenza dei figli Maria Rita e Giuseppe, della moglie e dei nipoti e del personale dell’azienda, ha ripercorso le tappe più significative della sua vita e della longeva attività professionale da lui creata 49 anni fa con tanti sacrifici ed indomito impegno, e che non a caso da sempre porta proprio il suo nome.

fuochi d’artificio a Villa Garbo

Modello virtuoso. La festa a Villa Garbo, salutata da tanti momenti emozionanti e dai fuochi d’artificio, ha reso omaggio a una storia iniziata nel 1969 nei locali di via Francavilla 40 a Trappitello e dal 1990 proseguita nell’attuale sede di via Francavilla 1, a pochi metri dall’uscita del casello A18 di Giardini Naxos. Una “creatura” solida e più forte del tempo, che resiste con orgoglio, passione e lungimiranza alle complessità del momento economico italiano e ancora oggi cresce, ponendosi all’avanguardia nel settore e al passo con le sfide del mercato, come un modello virtuoso d’impresa e un punto di riferimento nel territorio del primo polo turistico siciliano.

© Riproduzione Riservata

Commenti