il PalaNaxos di Giardini

Il lungo periodo di inattività che va avanti ormai da parecchi anni ha fatto crollare il valore del PalaNaxos. Il Comune di Giardini valuta l’opportunità della vendita ma l’immobile di fatto ha visto drasticamente dimezzarsi la propria quotazione sul mercato almeno del 50%. L’immobile di Viale Apollo Arcageta è stato inserito dall’Amministrazione nel Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell’anno corrente, che il Consiglio comunale ha deliberato di recente, e il “valore presunto di mercato” attribuito da una stima fatta dagli uffici di Palazzo dei Naxioti ammonta a Un milione di euro. Si tratta di una cifra certamente eloquente sul ridimensionamento che questo bene sta subendo anche nell’ottica di una possibile dismissione, con una valutazione ora lontana dai 2 milioni di euro almeno che in passato poteva valere il bene.

La beffa. Paradossalmente si tratta di una valutazione, quella attuale, che rischia di scendere ulteriormente, se si pensa che le condizioni della tendo-struttura stanno peggiorando in termini tanto progressivi quanto inesorabili e la stima fatta dal Comune risale all’aprile 2019. Si rischia un’autentica beffa, perché da un lato c’è un immobile che prima era un gioiello per la Città, e quindi per il patrimonio del Comune, che ora si sta deprezzando, e dall’altro lato il valore di mercato che va crollando non incoraggia, comunque, gli eventuali acquirenti, consapevoli che ci saranno poi da fare lavori dal costo ingente. E di conseguenza “il gioco non vale la candela”.

Trattative a vuoto. Sin qui tutte le trattative sono andate a vuoto e chi si è fatto avanti si è poi tirato indietro, per ammissione del vicesindaco Carmelo Giardina. “E’ come se fattori esterni impedissero, ogni volta un’impresa si propone, di concretizzarne il progetto – ha evidenziato Giardina -. Ritenteremo sino a fine mandato la ricerca di possibili promotori. Se ogni avviso risulterà inutile, date le condizioni sempre più fatiscenti della struttura, bisognerà valutare l’inserimento del bene nel piano delle alienazioni, in quanto potrebbero sorgere anche preoccupazioni legate alla sicurezza del manufatto. Ovviamente, per correttezza, questa soluzione è demandata alla futura Amministrazione”. Un destino sempre più incerto e per nulla roseo sembra, insomma, attendere una struttura che per anni è stata la location simbolo della città per eventi importanti e che aveva contribuito ad incrementare il turismo fieristico della cittadina jonica, e adesso ormai sprofondata nel più totale degrado.

© Riproduzione Riservata

Commenti