il Capodanno cinese nel 2020 è previsto il febbraio

Il boom cinese a Taormina non è più una semplice suggestione, i cinesi cominciano ad innamorarsi sul serio della Sicilia e della sua capitale del turismo, e a Taormina si comincia a guardare all’opportunità di sfruttare intanto uno dei più vicini appuntamenti: il Capodanno cinese. A Taormina si guarda con attenzione crescente a questo mercato, in un contesto che ha visto la Perla dello Ionio già protagonista del reality show “Chinese Restaurant” visto da parecchi milioni di cinesi, molti dei quali intenzionati a visitare l’Europa e a fare tappa anche in Italia, con Taormina tra le mete già segnate in rosso nel loro itinerario.

Oltre l’immobilismo. Da questi parti si valuta, a questo punto, se ci sarà tempo e modo, volontà e risorse per provare ad organizzare se non un vero e proprio Capodanno cinese, almeno qualche appuntamento in grado di attrarre i cinesi. I festeggiamenti del Capodanno cinese, a differenza di casa nostra, non si esauriscono in pochi minuti ma si protraggono poi per ben 15 giorni. Non si tratta di organizzare una festa in piazza con i fuochi pirotecnici ma semmai qualche evento a tema e un tour tra le bellezze di Taormina e del comprensorio e magari mostrare l’Etna. E’ evidente che queste cose si programmano non tre mesi prima ma 2 anni in anticipo e in un territorio dove si fa fatica persino a fare qualcosa per il Capodanno italiano sembra un’eresia immaginare un Capodanno cinese. Ad ogni modo il dibattito è già destinato ad accendersi e forse non è mai troppo tardi per svegliarsi dall’eterno torpore dell’immobilismo e dall’apatia dell’accontentarsi di animare la città soltanto l’estate. In ogni caso c’è anche qualche cinese che con o senza celebrazioni del Capodanno cinese il proprio viaggio da queste parti lo farà comunque, con l’intenzione di andare alla scoperta delle ricchezze storiche, culturali ed enogastronomiche della nostra città.

Modello Venezia. Il Capodanno cinese è un’opportunità per il turismo e in Italia c’è già chi l’ha colta questa chance e si è organizzato di conseguenza. Dall’1 al 15 febbraio 2019 il Veneto ha omaggiato quest’anno il Capodanno Cinese con il Festival VCNY, acronimo che sta per Venezia – ma anche Veneto – Chinese New Year composto da una decina di eventi, ospitati per la maggior parte a Venezia, ma anche a Padova e Treviso. Obiettivo del festival è stato quello rafforzare sempre di più il legame tra la regione del Nord Est italiano che accoglie ogni anno centinaia di migliaia di turisti cinesi con trend in crescita (+25% solo nel 2017) e il Paese del Dragone, trovando nuovi punti di congiunzione tra le due realtà e ponendo le basi per un’offerta turistica ispirata all’autenticità e alla personalizzazione delle esperienze. Aspetti questi richiesti soprattutto dai Millennials, target chiave per lo sviluppo del mercato turistico cinese da qui ai prossimi anni. L’anno del maiale è stato, quindi, festeggiato in laguna con Venice Chinese New Year che comprendeva una decina di eventi che spazieranno anche a Padova e Treviso. Il tutto con un progetto che poggia su tre pilastri: turismo, cultura, business. E senza dimenticare anche attività all’aeroporto per i turisti in arrivo, con alcuni artisti cinesi.

Calendario variabile. Per chi non lo sapesse non è un appuntamento che coincide con il nostro 1 gennaio ma qualche settimana più in là. Il nome ufficiale del capodanno cinese, per altro, è Festa di Primavera, anche se in realtà è una festa che viene celebrata in pieno inverno.Il capodanno cinese è che ogni anno è contrassegnato da un segno animale. Le ragioni di questa associazione sono da ricercare nell’astrologia cinese, perché cambia la data del Capodanno Cinese. Il calendario tradizionale cinese è un calendario lunisolare (che incorpora cioè elementi sia dei calendari solari che di quelli lunari). Questo antico calendario è stato sostituito da quello gregoriano (cioè quello in uso anche in occidente) ma viene ancora utilizzato per le festività. La data del capodanno cinese, infatti, corrisponde alla seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno (21 o 22 dicembre): tale evento può avvenire, quindi, fra il 21 gennaio e il 19 febbraio. E il Capodanno cinese si caratterizza per un segno animale che cambia di volta in volta.

Capodanno cinese 2019 – 05 febbraio | Maiale
Capodanno cinese 2020 – 25 gennaio | Topo
Capodanno cinese 2021 – 12 febbraio | Bue
Capodanno cinese 2022 – 01 febbraio | Tigre
Capodanno cinese 2023 – 22 gennaio | Coniglio
Capodanno cinese 2024 – 10 febbraio | Drago
Capodanno cinese 2025 – 29 gennaio | Serpente

© Riproduzione Riservata

Commenti