Matteo Salvini

“Stiamo portando migliaia di persone nelle piazze, e c’è gente che dopo aver votato per una vita intera la sinistra, stavolta voterà per noi, a partire dalle regionali in Umbria e poi in Emilia Romagna. Una volta le persone potevano comprare casa e fare un investimento per lasciarlo a figli e nipoti. Girando l’Umbria ho visto che in certe zone il valore al metro quadro è sceso talmente tanto che con 30 mila euro ti compri un appartamento perchè tra spacciatori, trans e mignotte non si può più abitare. Altro che manette ai panettieri e ai parrucchieri, e agli evasori, qui bisogna controllare invece i negozi di immigrati che aprono e chiudono ogni tre giorni senza pagare le tasse”. Lo ha detto Matteo Salvini nel suo tour politico in Umbria per l’imminente appuntamento con le elezioni regionali.

Sulla strada giusta. “Tante persone nel Paese, anche di Chiesa, ci stanno dicendo di non mollare perché siamo sulla strada giusta. In questo momento siamo in Parlamento a limitare i danni ma questo è un governo di matti. La tassa sulle bibite gassate, la tassa su chi paga in contanti, la tassa sull’affitto concordato e poi la ridiscussione di Quota 100, gli sbarchi triplicati rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Ma è solo una questione di tempo, presto manderemo a casa questo governo abusivo”.

La provocazione. Poi l’immancabile provocazione all’indirizzo del governo, con il segretario della Lega che scommette sul successo del centrodestra in Umbria: “Sono rimasto affezionato a Bastardo. Ce l’ho già pronta la felpa per la conferenza stampa di lunedì. Quasi quasi farò la prima conferenza stampa silenziosa della storia dell’uomo La felpa e il sorriso, tanto di processi ne ho già tanti. Bastardo, per chi non lo sa, comunque è una frazione del comune di Giano dell’Umbria”.

© Riproduzione Riservata

Commenti