Tassa di soggiorno
numeri record a Taormina per la tassa di soggiorno

La stagione turistica a Taormina si prolunga con il bel tempo e con la presenza dei tanti vacanzieri che ancora gremiscono le strutture ricettive ed extra-ricettive, e così cresce anche la statistica annuale dell’imposta di soggiorno. Il balzello turistico introitato dal Comune di Taormina, a seguito dei relativi versamenti delle strutture del territorio (che a loro volta applicano ai clienti la tassa istituita dal Comune di Taormina nel 2013) sta facendo registrare numeri importanti anche quest’anno e si va verso un dato conclusione che a dicembre potrebbe raggiungere se non addirittura superare il 2018.

Il dato attuale. Al momento, infatti, nell’anno 2019 la somma riscossa da tutte le attività presenti a Taormina, nel computo complessivo cioè dell’alberghiero e dell’extra-alberghiero, ammonta a 2 milioni e 688 mila euro. Taormina sta per sfondare, quindi, il muro dei 2 milioni e 700 mila euro di imposta di soggiorno e ancora ci saranno da conteggiare i mesi di ottobre, in corso, e quelli poi di novembre e dicembre, che equivarranno già ad un contesto di bassa stagione ma a loro modo andranno a corroborare ulteriormente il numero delle presenze e a ritoccare, quindi, sia il quadro generale degli arrivi in città sia proprio l’introito del balzello turistico.

Il biennio precedente. La Perla dello Ionio ha chiuso il 2018 con un introito sulla tassa di soggiorno pari a 2 milioni 985 mila euro, un dato pertanto non distante in proiezione dal quantum in itinere nel 2019. Nel 2017 il balzello aveva portato, invece, 2 milioni 761 mila euro. Sullo sfondo, per la tassa di soggiorno, rimane sempre l’irrisolta questione della richiesta da parte degli operatori economici di un utilizzo dell’imposta che sia maggiormente dedito al turismo promozione del territorio e decisamente meno indirizzato a curare i problemi di bilancio del Comune.

La leadership in Sicilia. Intanto, di riflesso, Taormina si avvia a toccare quota Un milione di pernottamenti anche nel 2019 come era già avvenuto lo scorso anno e come, ormai, da buona abitudine nelle statistiche finali della Perla dello Ionio. Si tratta di un movimento che è il più significativo in tutto il panorama turistico in Sicilia e al quale vanno aggiunto anche tutti coloro che raggiungono Taormina e la visitano senza pernottare. In questo caso stando ad una stima si parla di almeno altri 2 milioni di persone che arrivano ogni anno a Taormina e alimentano l’impressionante flusso del cosiddetto “mordi e fuggi”.

© Riproduzione Riservata

Commenti