l'assessore Manlio Messina

“Se dovesse corrispondere al vero, così come si evince da diversi articoli di stampa, che Philippe Daverio, presidente della giuria della gara “Borgo dei borghi”, ha ricevuto lo scorso novembre la cittadinanza onoraria di Bobbio per “meriti nella valorizzazione” del borgo, ci troviamo di fronte ad un grande papocchio per non dire altro”. Così l’assessore regionale al Turismo, Manlio Messina accende la polemiche sull’esito della sfida tv de “Il Borgo dei Borghi”, dove si è classificata al secondo posto Palazzolo Acreide e che aveva anche visto protagonista sino all’atto conclusivo il Comune di Castelmola.

Dubbi sul televoto. La trasmissione di Rai Tre ha incoronato Bobbio, in provincia di Piacenza, in Emilia Romagna, davanti alla siracusana Palazzolo Acreide, che aveva conquistato il 42% del televoto. Palazzolo Acreide, a sua volta, nel televoto precedente aveva avuto la meglio nella sfida tutta siciliana su Castelmola. “Da quello che leggo in queste ore – afferma l’assessore Messina – siamo davanti ad un palese conflitto di interessi tra chi avrebbe dovuto essere essere parte terza ed invece si è rivelato alla fine decisivo nella scelta del borgo vincitore. E’ incredibile come sia stato ribaltato il televoto popolare facendo prevalere quello della giuria di esperti. Non vogliamo mettere in dubbio le bellezze di Bobbio ma, se un vincitore ci deve essere in questa gara, quel vincitore desideriamo che sia la nostra Palazzolo Acreide e chiediamo che si possa trovare una soluzione chiara per riparare ad un imbarazzante errore che la Rai, come servizio pubblico, non si può permettere in considerazione del fatto che ha chiamato in causa i telespettatori facendoli partecipare attivamente proprio con il televoto”.

© Riproduzione Riservata

Commenti