“Gli ordini presi da Berlino, Bruxelles e Parigi li lascio a Renzi, Conte e Di Maio. Per me l’Italia è l’Italia: un Paese orgogliosamente libero e sovrano! Questo governo non arriverà a fine legislatura e molto presto la parola tornerà agli italiani e finalmente si potrà votare”. Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, lancia nuove bordate all’indirizzo dell’Esecutivo.

Parole e poltrone. “C’è gente che mi dice che non andava più a votare ormai da 25 anni e alle Regionali, in Umbria, voterà la Lega. Parole come queste valgono più di mille poltrone e mi dicono che siamo sulla strada giusta, alla faccia di chi ci vuole male”, dichiara Salvini.

© Riproduzione Riservata

Commenti