Alessandro Marco Gaglio

Prende quota l’ipotesi della possibile realizzazione di una via di fuga Taormina-Mazzarò per il collegamento diretto tra il centro storico della città e la zona a mare, nel tratto che riguarderebbe Mazzarò e Isolabella. Il Comune vuole portare avanti l’idea e spunta anche un progetto già esistente. A rivelare che su questa iniziativa esiste già un progetto è l’ex gestore della piscina comunale, il Cvsm.

Il progetto. “L’opera è fattibile, a suo tempo fummo noi a chiedere una conferenza dei servizi per presentare un progetto per questa strada – spiega il responsabile del Cvsm, Alessandro Marco Gaglio -. La strada si comporrebbe di quattro tornanti e si estenderebbe su un tracciato di circa un chilometro e mezzo. Nel primo tornante la strada costeggia la proprietà della famiglia Crupi, che in passato aveva dato la sua disponibilità ad acconsentire a questa iniziativa. Si era allora ipotizzato il placet al passaggio, in comodato d’uso, ed il privato aveva auspicato che potesse essere realizzata una biforcazione, per consentire cioè l’accesso alla piscina e alla proprietà. Bisogna capire se adesso il Comune vorrebbe far partire il tracciato da sotto la piscina o dal cimitero comunale. Sarebbero due cose diverse, anche perché oggi, in effetti, l’unica fuga che ci sarebbe da fare è quella dalla vista dell’evidente danno e disastro arrecato alla piscina da coloro che, a suo tempo, hanno voluto cacciare noi”.

Opportunità strategica. “Il progetto per la via di fuga con Mazzarò – aggiunge Gaglio – era stato discusso da noi con il Comune e la Protezione Civile. Certamente una bella idea, in grado di dare un’altra possibilità di collegamento tra il centro e Mazzarò e Isolabella in maniera veloce e diretta. Noi eravamo disposti anche a cofinanziare quell’opera, tutto quello che è accaduto poi ha bloccato anche questa opportunità strategica”.

© Riproduzione Riservata

Commenti