Carlo Calenda

“Voglio essere chiaro: la sfida non è fare un partitino, perché è un modo vecchio di fare politica. La sfida è mobilitare l’Italia seria, con un programma concreto ispirato ai valori del liberalismo sociale. Difficile? Molto. Ma è l’unica possibilità per questo paese”. Così Carlo Calenda, leader di Siamo Europei” lancia la sua sfida al governo.

La manovra. “La manovra del Governo dà pochi soldi a tanti, in cerca di consenso, ma non risolve nessun problema strutturale del Paese. Ecco le proposte di Siamo Europei, con le coperture, per investire dove serve davvero: Sanità, Scuola, Ambiente e Giovani. Il Mise ha perso il controllo delle crisi aziendali. Tra amici di Di Maio al posto di professionisti, menzogne e sbruffonate è il caos. Bisogna rimettere le cose a posto e farlo al più presto possibile”.

Le pensioni. Poi l’attacco a Quota 100: “Quota 100 riguarda persone che hanno già un lavoro e che avranno una pensione. Ci sono 4 milioni di italiani che non riescono ad accedere alle cure sanitarie. Se le risorse sono poche io credo andrebbero messe sul sistema sanitario e non sui pre-pensionamenti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti